desc

ManoMano chiude round da 355 milioni di dollari. Italia centrale per il suo mercato

Investimenti
STARTUP
Edit article
Set prefered

ManoMano chiude round da 355 milioni di dollari. Italia centrale per il suo mercato

Entro 2022 raddoppia dipendenti con 1000 nuove assunzioni. E raggiunge lo status di unicorno

Entro 2022 raddoppia dipendenti con 1000 nuove assunzioni. E raggiunge lo status di unicorno

Investimenti

Con il completamento di un round di finanziamento Serie F da 355 milioni di dollari, ManoMano, e-commerce del fai da te, giardinaggio e arredo casa, raggiunge una valutazione di 2,6 miliardi di dollari e lo status di unicorno. Lo annuncia una nota della società nella quale si legge: “raddoppierà la sua forza lavoro assumendo 1000 nuovi dipendenti entro la fine del 2022“. Il round è stato guidato da un nuovo investitore, Dragoneer Investment Group, con un’ampia partecipazione degli investitori esistenti Temasek, General Atlantic, Eurazeo, Bpifrance, attraverso i suoi fondi Large Venture, Aglaé Ventures, Kismet Holdings, e Armat Group.

“Puntiamo anche a essere il partner preferito per i nostri venditori europei che mirano a far crescere il loro business online”, hanno dichiarato i due co-fondatori Philippe de Chanville e Christian Raisson. L’Italia è stato uno dei mercati prioritari per l’azienda sin dal suo inizio nel 2015 e sta affrontando una fase di consolidamento dopo aver fatturato 130 milioni di euro lo scorso anno, supportata da lancio, sempre nel 2020, della sua piattaforma dedicata ai professionisti della casa, ManoManoPro, e l’inaugurazione ManoFulfillment, il primo centro logistico dell’azienda in Italia a Cremona.

L’operazione di round

I fondi ottenuti saranno sfruttati per continuare l’espansione internazionale con l’obiettivo di accelerare la crescita del mercato B2B in Italia e in Spagna con la piattaforma ManoManoPro, continuare la sua innovazione tecnologica incentrata a migliorare l’esperienza di clienti e venditori e sviluppare la sua rete logistica europea tramite ManoFulfillment.
Espansione europea e innovazione tecnologica sono al centro della strategia di crescita dell’azienda, che si sta inserendo in un mercato europeo di 400 miliardi di euro, che però è ancora in ritardo sull’online fermo “all’11% (in particolare al 7% in Italia)” di penetrazione, e ha raggiunto una crescita del +100% e 1,2 miliardi di euro di fatturato nel 2020.
“Con questo nuovo round di finanziamento, vogliamo confermare la nostra posizione di leader europeo indiscusso nel nostro segmento di mercato online. Il nostro obiettivo è quello di diventare la prima piattaforma per tutti i progetti di fai da te, giardinaggio e miglioramento della casa, offrendo un’esperienza e una consulenza di prima qualità ai nostri clienti europei”, hanno dichiarato Philippe de Chanville e Christian Raisson, co-fondatori e co-CEO di ManoMano. Con 725 milioni di dollari raccolti in round di finanziamento negli 8 anni dal suo inizio da Philippe de Chanville e Christian Raisson, lo scaleup ha raggiunto una valutazione di 2.6 miliardi di dollari e lo status di unicorno.

La centralità del mercato italiano

In Italia, solo nel 2020, l’interesse online da parte dei consumatori per la macrocategoria “arredamento e giardino” ha raggiunto una crescita del +190,5%. L’azienda ha annunciato, inoltre, un accordo con ICE Parigi, organismo per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, che prevede lo sviluppo di una vetrina di sole aziende Made in Italy sulla piattaforma francese (ManoMano.fr), all’interno della quale saranno inserite 130 imprese italiane dei settori Home Design, Idraulica e riscaldamento, Giardino, Utensileria e Materiale elettrico.