desc

PickMyBook, un’app per la compravendita di libri usati

Scuola
EDUCATION
Edit article
Set prefered

PickMyBook, un’app per la compravendita di libri usati

PickMyBook, la prima piattaforma web pensata per comprare e vendere libri usati ora è anche un’app mobile. Ecco come funziona

PickMyBook, la prima piattaforma web pensata per comprare e vendere libri usati ora è anche un’app mobile. Ecco come funziona

Scuola

La ricerca e la vendita di libri usati è ancora più semplice. PickMyBook, la prima piattaforma web pensata per comprare e vendere libri usati, è infatti sbarcata anche su smartphone e tablet: sono state infatti rilasciate le app di PickMyBook sia per Android che per iOS.

PickMyBook funziona in modo semplice. Il sistema permette di mettere in vendita i libri, senza limiti su anno di pubblicazione, numero di volumi e genere (narrativa, scolastici, etc). La ricerca avviene in base a distanza, prezzo, feedback del venditore. A quest’ultimo viene richiesto di scattare una foto a tre pagine scelte in modo casuale: in questo modo il potenziale acquirente può valutare già on line lo stato del libro (sottolineato, piegato, bagnato).

Il sistema non prevede spedizioni (e conseguenti ritardi o problemi nella consegna). Lo scambioavviene infatti a mano. Chi acquista contatta direttamente tramite chat chi vende per mettersi d’accordo sulla data e sul luogo per ricevere e pagare il libro.

A distanza di poche settimane dal suo esordio, PickMyBook sta registrando una rapida diffusione tra gli utenti della rete. Il servizio ha infatti superato abbondantemente i 2200 iscritti e sulla piattaforma sono presenti quasi 6400 libri pronti per essere scambiati. Con l’applicazione, PickMyBook punta ad aumentare il numero di libri e iscritti indirizzandosi ad una particolare fascia di utenti: gli studenti.

«La creazione dell’app era una tappa obbligata per l’ulteriore diffusione del servizio» sottolinea Arianna Cortese, studentessa 18enne, mente del progetto PickMyBook. «In un’epoca in cui i giovani accedono ad internet tramite smartphone, crediamo che l’app sia lo strumento giusto per arrivare agli studenti: un pubblico potenzialmente molto interessato a questo tipo di servizio, vista la loro esigenza di cercare libri scolastici e testi universitari usati».