desc

Dal Technology Forum Life Sciences tre proposte concrete per la crescita del biotech in Italia

ECONOMY
Edit article
Set prefered

Dal Technology Forum Life Sciences tre proposte concrete per la crescita del biotech in Italia

Nell’ambito del Technology Forum Life Sciences si è inoltre svolta la cerimonia di premiazione della terza edizione del premio giornalistico Assobiotec

Nell’ambito del Technology Forum Life Sciences si è inoltre svolta la cerimonia di premiazione della terza edizione del premio giornalistico Assobiotec

Economia Digitale
Scuola
Tecnologia

È stato presentato al Technology Forum Life Sciences che ha aperto la European Biotech Week, il rapporto ‘Il ruolo dell’ecosistema dell’innovazione nelle Scienze della Vita per la crescita e la competitività dell’Italia’.

Il documento, realizzato da The European House – Ambrosetti nell’ambito del progetto Life Sciences in collaborazione con Assobiotec, Associazione nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie che fa parte di Federchimica, e il Cluster Alisei, vuole contribuire a promuovere lo sviluppo dell’ecosistema dell’innovazione nel settore delle Life Sciences in Italia.

Il lavoro parte dalle conclusioni del Forum dello scorso anno, dall’analisi della situazione italiana – con la valutazione dei punti di forza e delle aree di miglioramento del settore, e dal confronto con alcune pratiche internazionali di successo, arrivando a identificare, grazie al contributo di imprenditori, esperti e opinion leader nazionali e internazionali, punti critici e priorità d’azione per lo sviluppo del comparto.

Più nello specifico, nel settore delle Scienze della Vita, è diventato evidente come la ricerca italiana stia producendo da anni risultati che non sempre vengono adeguatamente valorizzati: siamo un Paese dove si pubblica molto, si brevetta poco e si industrializza ancora meno.

«Le esperienze internazionali analizzate – osserva Valerio De Molli, Managing Partner di The European House Ambrosetti – dimostrano che le misure proposte porterebbero benefici importanti in meno di dieci anni, a patto che gli interventi del Governo siano affidabili, di lungo periodo e focalizzati sull’eccellenza. Le linee d’azione che suggeriamo sono: aumentare gli investimenti in R&S, definire una governance efficace, certa e centralizzata e definire una strategia nazionale dell’innovazione e della ricerca di lungo periodo».

biotecnologia-laboratorio

Per far sì che all’alta densità scientifica corrisponda un’adeguata densità brevettuale, e per avviare un circolo virtuoso innovazione-produttività-crescita-occupazione, dal Technology Forum Life Sciences arrivano tre proposte, e uno studio esecutivo per un Transfer Lab pilota da realizzare in Lombardia:

1. Creare un Transfer Lab specializzato per il settore delle biotecnologie, imparando da Technology Transfer di successo, specializzati nelle Scienze della Vita, come Ascenion (D), MRC- Technology (GB) e TTFactor (I);

2. Promuovere la cultura del trasferimento tecnologico, valorizzando conoscenza, talenti, creatività e innovazione, secondo il modello del VIB in Belgio;

3. Modificare la normativa sulla proprietà intellettuale (art. 65 del Codice di Proprietà Industriale, ispirandosi al Bayh Dole Act – USA, 1980).

«Il settore del biotech applicato alle scienze della vita per poter crescere e svilupparsi deve essere considerato in un’ottica di processo, perché esiste un continuum fra ricerca di base, sviluppo pre-clinico, sviluppo clinico, produzione biotecnologica e accesso all’innovazione»spiega Riccardo Palmisano, Presidente di Assobiotec. «Bisogna evitare il rischio molto italiano di considerare buone le imprese quando fanno ricerca e creano occupazione e nemiche da combattere quando arrivano a commercializzare i propri farmaci».

Nell’ambito del Technology Forum Life Sciences si è inoltre svolta la cerimonia di premiazione della terza edizione del premio giornalistico Assobiotec: riconoscimento assegnato ai giornalisti e alle giornaliste che si sono particolarmente distinti nella divulgazione delle biotecnologie, della ricerca scientifica e del trasferimento tecnologico. Il premio quest’anno è stato consegnato a Luca De Biase «per la costante attenzione ad approfondire sulle pagine di Nòva24 i temi della scienza e della tecnologia e per l’importante contributo all’iniziativa ‘Lezioni di futuro’, straordinaria collana su progresso e innovazione».