desc

Cyber attacco all’Agenzia Eu del Farmaco. Rubati dati su vaccino Pfizer

Cybersecurity
TECH
Edit article
Set prefered

Cyber attacco all’Agenzia Eu del Farmaco. Rubati dati su vaccino Pfizer

Il prodotto numero 1 vittima di un furto di informazioni online. I ladri hanno aspettato che i documenti fossero trasferiti all’EMA

Il prodotto numero 1 vittima di un furto di informazioni online. I ladri hanno aspettato che i documenti fossero trasferiti all’EMA

Cybersecurity

Che i vaccini ora come ora valgano più dell’oro lo racconta molto bene la guerra, silenziosa, che si sta combattendo nel deep web proprio in questi istanti. Mentre voi controllate la posta o scorrete le foto dei vostri amici su Instagram, hanno luogo simultaneamente decine e decine di attacchi ai danni di ospedali, presidi medici, case farmaceutiche e, soprattutto, le big del Pharma che hanno già messo a disposizione un prodotto per il Covid-19. E quando si parla di colossi del farmaco, la numero 1, per dimensioni e fatturato, è senz’altro Pfizer. Vittima proprio in queste ore di un nuovo attacco che sorprende per modalità: gli hacker non hanno infatti attaccato direttamente l’azienda, che nel mentre si è premunita, divenendo una sorta di fortezza inespugnabile, ma sono passati dall’Agenzia europea del Farmaco, quell’EMA che avremmo potuto avere qui in Italia e che si è fatta spedire documenti e carteggi sul vaccino Pfizer (e su tutti gli altri che verranno distribuiti) per poter dare il proprio imprimatur alla commercializzazione.

Leggi anche: Vaccino Covid, 7 aziende farmaceutiche nel mirino degli hacker

Così gli hacker hanno sottratto documenti sul vaccino Pfizer

Sorprende l’astuzia dell’operazione chirurgica condotta dai pirati informatici, che porterebbe a escludere l’hacker solitario o la rivendicazione ideologica. Il furto di dati sul vaccino Pfizer è stato reso noto dalla stessa azienda farmaceutica. «È importante sottolineare che né il sistema BioNtech né quello di Pfizer sono stati violati in relazione a questo incidente e che non abbiamo conoscenza dei dati personali che sarebbero stati violati», ha precisato il colosso del farmaco. «Attendiamo ulteriori informazioni sull’indagine dell’Agenzia europea del Farmaco e risponderemo appropriatamente e in accordo con la legge Ue», ha proseguito Pfizer. «Date le considerazioni cruciali di sanità pubblica e l’importanza della trasparenza, continuiamo a fornire chiarimenti su tutti gli aspetti dello sviluppo del vaccino e il processo previsto dal regolamento», aggiunge il comunicato.

Leggi anche: Vaccini, è cyberspionaggio. 007 inglesi accusano Mosca

Attacco opera di 007 stranieri?

Una incursione mirata che, dicevamo, sorprende per arguzia: trovate chiuse le porte virtuali dell’azienda, i pirati hanno violato quelle dell’EMA appena questa ha ricevuto i dati sul vaccino Pfizer. Una operazione che fa pensare abbia dietro 007 stranieri. Non sarebbe peraltro la prima volta che i servizi segreti provano a trafugare sul Web dati sui vaccini. Lo scorso maggio l’FBI e il dipartimento della Homeland security avevano emesso un «public service announcement», ossia un annuncio nell’interesse pubblico, avvisando gli Stati Uniti e i loro partner commerciali che fosse altamente probabile che la Cina si stesse preparando a sferrare un cyber-attacco per rubare dati legati alle cure e ai vaccini contro il Coronavirus. L’avviso parlava di una «minaccia significativa», da non prendere sotto gamba. Secondo l’FBI, nel mirino c’erano soprattutto le case farmaceutiche statunitensi.

E, ancora, a metà luglio i servizi d’intelligence del National Cyber Security Centre londinese avevano imputato ad “hacker russi” assoldati direttamente da Mosca di aver preso di mira informazioni su progetti di ricerca sui vaccini anti-Covid in sviluppo non solo in Gran Bretagna, ma anche in Canada e negli USA. Chi arriva prima al vaccino potrà ripartire, per primo, con la ricostruzione. Ma a che chi arriva secondo e riesce a rubare i dati dei più veloci, saprà trarre vantaggio dalla situazione.