desc

Avere una fortuna in bitcoin e dimenticarsene: ecco cosa è successo al rapper 50cent

Economia Digitale
ECONOMY
Edit article
Set prefered

Avere una fortuna in bitcoin e dimenticarsene: ecco cosa è successo al rapper 50cent

In occasione del suo quinto album, l’artista aveva accettato anche pagamenti in criptovaluta. 700 bitcoin che oggi si sono trasformati in 8 milioni di dollari

In occasione del suo quinto album, l’artista aveva accettato anche pagamenti in criptovaluta. 700 bitcoin che oggi si sono trasformati in 8 milioni di dollari

Economia Digitale

Scoprire di aver accidentalmente guadagnato una fortuna in bitcoin senza esserne consapevoli. Un colpo di fortuna in cui molti sognano d’imbattersi, e che ha bussato davvero alla porta del rapper 50cent.

Dimenticarsi di una fortuna in bitcoin

Come raccontato da TMZ, 50cent, al secolo Curtis Jackson, si è accorto per caso di essere in possesso di un piccolo tesoro in criptovaluta. Un tesoro che risale al 2014, quando l’artista fu uno dei primi al mondo ad accettare un pagamento in bitcoin per la sua musica.

Leggi anche: Investire nelle criptovalute

L’album era Animal Ambition, il quinto pubblicato, che all’epoca avrebbe raccolto nelle vendite via web circa 700 bitcoin. Tenendo conto che la moneta valeva allora 657$, l’operazione portò nelle tasche di 50cent oltre 460K. Niente male come investimento, se non fosse che di quella somma l’artista poi se ne è completamente dimenticato.

Il tempo però ha giocato a suo favore, così come la “corsa al bitcoin”. Le quotazioni sono salite vertiginosamente e oggi 50cent ci ha guadagnato quasi 8 milioni di dollari.

 

Notizia che un post sul profilo Instagram dello stesso rapper pare confermare. L’immagine di copertina che fa riferimento ad Animal Ambition con vicino il simbolo del bitcoin e poi la frase “all money is money”.

Dal successo alla bancarotta, e viceversa

Qualcuno ora potrebbe dire: “Ecco, piove sempre sul bagnato”. E sbaglierebbe di grosso. Perché oggi 50cent è tutto forché un artista miliardario. Dopo anni passati sulla cresta dell’onda, nel 2015 il rapper ha dovuto presentare istanza di fallimento per la sua società, la Chapter 11, e accettare un piano di pagamento dei debiti da 23 milioni di dollari e di durata quinquennale.

https://twitter.com/50cent/status/955908135922950144

5ocent si è sempre espresso negativamente sul tema delle criptovalute definite “oscure e pericolose”. Chissà se, oggi che si trova ad essere proprietario di una fortuna in bitcoin, preferirà vendere e incassare, oppure provare a cavalcare questa nuova onda. Quella della moneta elettronica.