Athonet vince al Mobile World Congress come migliore rete indipendente

Al congresso di Barcellona la triestina Athonet si aggiudica come migliore soluzione per sviluppare reti indipendenti. Verin a StartupItalia! «Il premio più importante, riconoscimento di una vita»

Athonet si è aggiudicata uno dei premi del World Mobile Congress di Barcellona. La startup che ha sviluppato un sistema per portare internet e banda larga a basso costo in zone rurali o disastrate ha vinto il GSMA Awards 2016 come migliore soluzione per la crescita di reti piccole e indipendenti (in inglese Best Solution for Growing Smaller or Independent Networks). L’ultima volta che un’azienda italiana è stato nel 2009.

La notizia è apparsa su Twitter in queste ore e sulla pagina Facebook della startup di Gianluca Verin, 45 anni e Karim El Malki, 42 anni, nato in Italia con origini egiziane. A novembre Wired US l’ha inserita tra le 17 idee destinate a rendere la terra un posto migliore. StartupItalia! ha invece inserito Athonet tra le migliori 100 startup italiane del 2015.

Verin: «Per noi è il premio più importante, il riconoscimento di una vita»

«Andiamo via dall’Italia solo per vincere i premi e fare business» ha raccontato Verin a StartupItalia!. «Oggi siamo una trentina. Nel 2005 eravamo in 2, dal 2009 abbiamo preso le prime persone». Prime mondiali che aiutano i founder a dimostrare «che il network mobile può essere fatto con un software e basta». Finora usato in Finlandia per la pubblica sicurezza, e da Enel per la comunicazione delle cabine secondarie. Chiunque teoricamente può diventare operatore mobile virtuale.

In cosa consiste il premio del Mobile World Congress? «E’ una statuetta, come un Oscar, ma ci si misura su innovazioni assolute con i gigante delle telecomunicazioni». Ma gli obbiettivi sono più alti, statuette a parte: «Puntiamo ai 4 miliardi di non connessi ad internet nel mondo. Oltre che aziende». «Per noi questo del Mobile World Congress è il premio più importante, è il riconoscimento di una vita. Ho pensato a tutto il lavoro che hanno fatto tutti i ragazzi con noi, e che potevamo vincerlo anche come italiani sconosciuti. E che è una bella cosa da raccontare, come una favola. La verità è che abbiamo il più grande team di sviluppatori che esiste». La struttura e lo sviluppo dell’azienda lo conferma. E lo dice lo stesso Verin: «Siamo in breakeven da oltre tre anni».

Screen Shot 2016-02-23 at 18.30.04

17 innovatori renderanno la Terra un posto migliore. E c’è un italiano

C’è un italiano tra i 17 Global Influencer, imprenditori e attivisti con soluzioni tecnologiche che migliorano il pianeta e la vita delle persone. La classifica stilata da Wired e Nokia dopo nove mesi di ricerca, premia […] Qui la storia completa di Athonet raccontata su StartupItalia!

Ti potrebbe interessare anche

3 acquisizioni in 3 anni, e il fatturato sale a 4.3M: Applix ha capito come crescere senza venture

Comprare altre società e creare altri mercati: il Ceo di Applix racconta la sua strategia per crescere. Una via alternativa, ma nata da un uso esemplare dei fondi pubblici per le startup

Brusson (Blablacar): «Abbiamo 200M ma non siamo ancora redditizi. Uber? Non è sharing economy»

Abbiamo intervistato il founder di Blablacar Nicolas Bresson che racconta le strategia di crescita dell’azienda, il round D da 200 milioni e perché alcuni big mondiali hanno diffuso un concetto distorto di sharing economy

Come funzioneranno i 100M per le startup del Lazio, spiegati da chi li ha voluti

100 milioni in 4 anni, divisi per seed e coinvestimenti con operatori istituzionali. La scelta della Regione Lazio di investire in startup spiegata in 5 brevi videointerviste ai protagonisti dell’evento

Ecco le 12 startup italiane al CES di Las Vegas, chi sono e cosa hanno proposto

12 startup come nel 2015 (mentre dalla Francia ne arrivano 200). Ecco gli italiani che hanno esposto al CES di Las Vegas, la più importante fiera hi-tech al mondo

Perché i venture investono ancora poco sulle startup bitcoin (e blockchain)

Più di 300 milioni di investimenti su startup bitcoin e blockchain. Come un anno fa. Niente raddoppio. Abbiamo provato a ragionare con la testa degli investitori per capire cosa frena davvero la crescita del mercato: ci sono almeno 4 motivi (e una soluzione alternativa)

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»