I venture russi cominciano a investire in startup straniere (e guardano all’Europa)

La paura per la moneta nazionale e le sanzioni internazionali hanno decretato un cambio di rotta per il venture russo, secondo quanto scrive il Wsj. I principali fondi aprono sedi a New York, Londra e Tel Aviv

Non solo sanzioni economiche europee e crisi del rublo; in Russia, come riporta il Wall Street Journal, anche i fondi di venture capital stanno lasciando il Paese per altri mercati, aprono uffici all’estero e concentrano i loro investimenti su startup straniere. Uno di questi è il fondo moscovita Maxfield Capital, che quest’anno ha aperto uffici a Tel Aviv, Londra e New York.  Altre imprese di VC sostengono che il Paese non fornisca le condizioni necessarie per far prosperare gli investimenti.

thinkrussia_startup_0

“È una tendenza che non sorprende”, ha spiegato Sergey Bulaev al Wsj, fondatore di Buy Me a Pie, startup di Ulyanovsk che ha sviluppato un’app per creare liste della spesa, “perché i rischi di investire nel Paese sono aumentati”. Storicamente, i fondi VC erano fioriti in Russia dopo il collasso dell’Unione Sovietica, grazie alle comunità scientifiche ed accademiche foraggiate durante la Guerra Fredda.

Capitali per circa 56,9 miliardi hanno lasciato la Russia

Ne sono esempi Doroga Tv, un servizio GPS di rilevamento dei veicoli e Kuznech, un’app che consente di comprare sfogliando immagini online. Secondo la Banca di Russia, capitali per circa 56,9 miliardi di dollari hanno lasciato il Paese nel 2015, e tra questi anche fondi che investono in imprese new technology.

Le ragioni dell’esodo sono però anche politiche. Valdislav Solodkiy, manager del Life.Sreda, fondo russo trasferitosi a Singapore circa un anno fa, sostiene che “è moralmente difficile vivere in un’atmosfera depressiva, con uno stato aggressivo che spinge la società a rifiutare chiunque la pensi in maniera diversa”.

C’è però chi è ancora ottimista sul futuro delle startup russe, come Andrew Gershfeld, partner del Flint Capital, con cinque sedi nel mondo, che consiglia di guardare sin dall’inizio al mercato globale. E la prova è il successo di startup come la siberiana 2GIS che sviluppa mappe, il servizio di prenotazione hotel Ostrovok, Oktogo, specializzata in ricerca di alloggi per russi e la popolare app di messaggistica Telegram.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti