Adesso il clone cinese di Twitter vale più di Twitter. Weibo a 11,3 miliardi

Lo scorso anno, Weibo ha raggiunto 70 milioni di nuovi utenti attivi e il suo valore è schizzato a 11,3 miliardi, superando Twitter per la prima volta

Weibo ha superato Twitter in valore di mercato. 11,32 miliardi di dollari contro gli 11.23 della società di Jack Dorsey. In Cina, si sa, va fortissimo. L’azienda, nata nel 2009, è considerata il clone cinese del social network che tutti conosciamo. La notizia è stata riportata da Business Insider.

twitter-weibo

Lo scorso anno, Weibo ha raggiunto 70 milioni di nuovi utenti attivi. Un bel passo per l’azienda cinese, nata nel 2009. L’IPO, nei primi mesi del 2014, stimava Weibo per 3,4 miliardi di Dollari. In quello stesso periodo, Twitter era ancorato al valore di 26,8 miliardi di Dollari. Le difficoltà di Twitter di trovare un possibile acquirente ha fatto scendere considerevolmente il prezzo delle sue azioni. Le difficoltà di Twitter sono note, in affanno perché non riesce ad raggiungere nuovi utenti: negli ultimi 12 mesi, ha perso 5 milioni di utenti attivi al mese, corrispondenti a 313 milioni di euro. Weibo, al contrario, è ancora in crescita: +282 milioni.

Leggi anche: Nessuno vuole comprare Twitter. Un anno di rinunce in una timeline

Twitter, all’apice del successo (nei primi mesi del 2014), seppur per breve periodo, aveva superato i 40 miliardi di dollari di valore.

Weibo, in cui il colosso dell’e-commerce Alibaba detiene una quota del 30 per cento, non è priva di problemi. Wechat, applicazione di messaggistica molto popolare (con più di 800 milioni di utenti), ha battuto Weibo in vari settori: negozi online, pagamenti cashless, e brand account. Weibo, però, ha ancora un grande potere virale e la capacità di attirare denaro dagli annunci pubblicitari. Guardando bene, le entrate pubblicitarie di Weibo sono in crescita per il 45 per cento sull’anno precedente.

Weibo è stata molto rapida a sfruttare le nuove tendenze web, soprattutto le dirette streaming (molto popolari in Cina). Le dirette streaming sono una nuova fonte di reddito: gli spettatori possono acquistare regali virtuali per gli streamers. I dati a disposizione sono aggiornati al 18 ottobre, ma il gap tra Weibo e Twitter dicono gli analisti continua a crescere.

  • Va anche detto che il particolare ecosistema cinese – da cui Twitter è escluso – e il fatto che la sola Cina accolga 1,5 miliardi di potenziali utenti sono fattori di non poca importanza…

Ti potrebbe interessare anche

Nessuno vuole comprare Twitter. Un anno di rinunce in una timeline

Abbiamo messo insieme un anno di rumors sulla vendita di Twitter, da gennaio a ottobre. Tutti gli interessati, tutte le smentite. Per capire cosa è successo e cercare qualche risposta

Perché un buon Ceo deve essere prima di tutto un narratore formidabile. Spunti utili per diventarlo

Se hai una visione del mondo da comunicare, e non lo fai, qualcun’altro lo farà per te: strategie per essere un buon Ceo nell’epoca dei social media (imparando a rivalutare lo storytelling)

Questo acceleratore prevede programmi anti depressione da startup (che c’è)

Ignite, acceleratore inglese, prevede dei programmi per aiutare i founder di startup a sfogarsi e a parlare dei loro problemi, a metà tra ritiri spirituali, riunioni di alcolisti anonimi e incontri di psicoterapia.

Se lo chiamate “lavoro” non avete capito cosa è Foodora (né la sharing economy)

Foodora è diventato un caso mediatico. Ma ci sono degli errori di fondo, voluti o meno, su come si sta trattando la questione. E no, non c’entra nulla la sharing economy né il digitale ma l’idea di un lavoro che Foodora non è

Le chiamano le “Uber del lavoro”: 3 startup (non italiane) che stanno correndo di più

Sempre più piattaforme offrono lavoretti a chiamata e che sono alla base della cosiddetta gig economy. E sono anche il modo migliore per le aziende di assicurarsi copertura nei momenti critici senza assumere stabilmente nuovi dipendenti: il trionfo dell’outsourcing

I Mooc di Harvard e MIT stanno perdendo studenti. E il motivo è semplice

Un’indagine realizzata su 290 corsi delle due università americane ha rintracciato nell’introduzione del pagamento delle certificazioni una delle cause della crisi. Sotto osservazione anche la proliferazione dei corsi a contenuto specialistico che porta gli studenti a distribuirsi

Open hardware e agricoltura di precisione per sostenere le PMI agricole. Il progetto RuralHack

Se ne parla al Country Hack Fest il 22 gennaio: il punto sul rapporto tra digitale e territorio rurale, verso un futuro nel quale tecnologie e sostenibilità saranno protagonisti di un cambiamento radicale della cultura di approccio alla terra

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli