growITup: al via la call-to-action per le startup del settore Tourism & Entertainment

Realizzata in collaborazione con Alpitour, la CallForGrowth è la prima delle call-to-action che growITup dedicherà a ciascuna delle 7 industry, che meglio rappresentano l’eccellenza italiana. Iscrizioni entro il 21 novembre 2016

Al via CallForGrowth, la prima call-to-action di growITup, l’iniziativa a supporto dell’eccellenza italiana e dell’ecosistema delle startup promosso da Fondazione Cariplo insieme con Microsoft, per mettere in contatto, in un’ottica di collaborazione aperta, le grandi imprese, espressione del Made in Italy, con promettenti startup.

Presentato ufficialmente a luglio, growITup nasce con l’obiettivo di sostenere la crescita delle giovani realtà innovative del nostro Paese, facendo leva su un network aperto e collaborativo di imprenditori, venture capitalist, incubatori, acceleratori di impresa e business school, mettendo a disposizione strumenti tecnologici, competenze di formazione del network di professionisti e formazione, sia attraverso canali fisici che virtuali, sostenendo da un lato la crescita delle startup, e dall’altro accelerando la trasformazione digitale delle aziende.

growitup

Realizzata in collaborazione con Alpitour, la CallForGrowth è rivolta alle migliori startup del settore Tourism & Entertainment, ed è la prima delle call-to-action che growITup dedicherà a ciascuna delle 7 industry, che meglio rappresentano l’eccellenza italiana, – Financial Services & Insurance, Food & Agriculture, Health & Wellbeing, Energy & Environment, Manufacturing 4.0, Fashion & Design.

growITup svilupperà con le startup un percorso di crescita e contaminazione articolato in tre fasi: Connect, Engage e Scale. Nella fase ‘Connect’ sarà costruito un matching che connetterà le startup con i Partner di riferimento per esplorare le opportunità di crescita. Nella fase ‘Engage’ inizierà un’intensa fase di coinvolgimento dove le startup lavoreranno con i professionisti del network di growITup e i Corporate Partner per costruire un piano di crescita del business e di sviluppo del prodotto o del servizio. Dopo la fase di coinvolgimento, inizierà la fase più importante, ‘Scale’, in cui vi sarà l’opportunità per investitori aziendali e venture capitalist di investire nelle startup promettenti e formalizzare partnership per prodotti o servizi, oppure per acquisire tecnologia e talenti.

growitup_01-1

Quattro sono le macro aree di attività individuate per il settore Tourism & Entertainment: prodotti e servizi complementari (come piattaforme per l’offerta di servizi alternativi);acquisizione e mantenimento di nuovi clienti sia nel canale tradizionale (agenzia di viaggio) sia nel canale diretto (sistemi di brokering digitale e profilazione dei clienti);nuovi canali di vendita e di comunicazione per migliorare l’esperienza dei clienti; soluzioni tecnologiche integrative (come piattaforme di pagamento digitale e di comunicazione mobile). La call è comunque aperta anche per altri prodotti e soluzioni che possono aggiungere valore al Verticale Tourism & Entertainment.

Per aderire al programma le startup devono avere meno di 5 anni di vita e devono aver raccolto fondi pari ad almeno 50 mila dollari. Devono essere registrate e/o gestite prevalentemente dall’Italia e interessate a raccogliere fondi superiori a 500 mila dollari. Per partecipare occorre presentare la propria candidatura sul sito entro il 21 Novembre 2016.

Le startup che supereranno la fase di screening saranno coinvolte in un workshop di selezione con i partner di growITup dove avranno la possibilità di presentare un pitch ai manager delle aziende che promuovono l’iniziativa.

growITup si inserisce all’interno di Cariplo Factory, società strumentale della Fondazione Cariplo creata appositamente con l’obiettivo di stimolare processi di Open Innovation, realizzare iniziative innovative di CSR e di talent management, e creare 10 mila job opportunities per giovani in tre anni.

Il Mit fa un sito che simula incidenti di auto senza pilota (e tu decidi chi deve morire)

L’università di Boston ha creato un sito sul quale gli utenti analizzano diversi scenari e propongono la scelta che ritengono più etica in caso di imprevisti su strada con le macchine self-driving. Il tentativo è quello di programmarle secondo il senso comune

Deutsche Telekom investe 4,1 milioni di dollari su Roambee (IoT)

Roambee ha ricevuto 4.1 milioni di dollari da parte di Deutsche Telekom Strategic Investments (DTSI). La mossa risponde ad una precisa strategia di open innovation da parte dell’azienda