Unilever sceglie 15 startup per il suo contest (50mila euro) a Londra. C’è anche un’italiana, Buzzoole

C’è anche Buzzoole nella finale di ad:tech, promossa da Unilever. Parliamo del più importante appuntamento europeo dedicato all’applicazione della tecnologia in ambito pubblicitario. Chi vince si porta a casa 50 mila euro

Buzzoole, startup italiana tra le più importanti in ambito influencer marketing, è stata selezionata tra le 15 finaliste di “The Next Big Thing”, premio promosso da Unilever e dedicato alle società emergenti del digital marketing. Il premio fa parte di ad:tech, uno dei principali eventi a tappe, in tutto il mondo, dedicato all’applicazione della tecnologia in ambito pubblicitario. La vincitrice, scelta a Londra, il 2 e 3 novembre, si porterà a casa 50mila euro.

buzzoolefunziona

750 realtà presenti all’ad:tech

L’evento londinese, giunto alla sua undicesima edizione, ospiterà startup e aziende che rappresentano le migliori tendenze dell’advertising innovation e del marketing europeo. Nella capitale inglese sono attesi 750, tra brand e media agency, per designare gli scenari futuri di un mondo che sta attraversando un profondo cambiamento. Un’edizione, come si legge sul sito, che proprio quest’anno ha deciso di rinnovare il proprio format e i propri contenuti

E sono proprio le startup a ricoprire un ruolo sempre più importante e decisivo nel tracciare i nuovi trend. Tanto che, come ricordato dagli organizzatori, quest’anno è stato più complicato individuare i soggetti che potessero concorrere al premio e proporre il loro pitch ad una giuria di specialisti. Startup che sono state scelte dopo un lungo percorso di mentoring e superando centinaia di altre candidature.

adtech-london-blog-graphics672_v21

Buzzoole

Nata nel 2013, Buzzoole è una piattaforma di Influencer Marketing in grado di connettere i brand ai giusti influencer della rete grazie all’utilizzo dei big-data, al fine di stimolare le conversazioni intorno alle loro campagne.

team buzzoole

Grazie alla tecnologia di Buzzoole, le aziende potranno pianificare in totale autonomia campagne di buzz marketing con budget liberi e flessibili. Attualmente ha sedi a Londra, Milano, Roma e Napoli, oltre che collaborare attivamente con oltre 350 clienti grazie a oltre 160.000 utenti iscritti da tutto il mondo. Nel 2015 ha ricevuto un round di finanziamento, pari a un milione di euro, da parte di diversi finanziatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Chi c’è e di cosa si parla al Data Driven Innovation a Roma

24 e 25 febbraio il Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre ospita la seconda edizione dell’appuntamento dedicato alla data driven innovation. Fra gli speaker Raffaele Lillo (Italian Digital Transformation Team) che interviene sul tema Digital Transformation of the Italian Government

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Parte Renew the book per accelerare le migliori startup editoriali

Algoritmi o community online? Chi sceglierà i libri che leggeremo domani? Abbiamo chiesto a Tomaso Greco di bookabook di raccontarci che cos’è Renew the book, il contest di accelerazione riservato a cinque startup che innovano l’editoria libraria

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era