Unilever sceglie 15 startup per il suo contest (50mila euro) a Londra. C’è anche un’italiana, Buzzoole

C’è anche Buzzoole nella finale di ad:tech, promossa da Unilever. Parliamo del più importante appuntamento europeo dedicato all’applicazione della tecnologia in ambito pubblicitario. Chi vince si porta a casa 50 mila euro

Buzzoole, startup italiana tra le più importanti in ambito influencer marketing, è stata selezionata tra le 15 finaliste di “The Next Big Thing”, premio promosso da Unilever e dedicato alle società emergenti del digital marketing. Il premio fa parte di ad:tech, uno dei principali eventi a tappe, in tutto il mondo, dedicato all’applicazione della tecnologia in ambito pubblicitario. La vincitrice, scelta a Londra, il 2 e 3 novembre, si porterà a casa 50mila euro.

buzzoolefunziona

750 realtà presenti all’ad:tech

L’evento londinese, giunto alla sua undicesima edizione, ospiterà startup e aziende che rappresentano le migliori tendenze dell’advertising innovation e del marketing europeo. Nella capitale inglese sono attesi 750, tra brand e media agency, per designare gli scenari futuri di un mondo che sta attraversando un profondo cambiamento. Un’edizione, come si legge sul sito, che proprio quest’anno ha deciso di rinnovare il proprio format e i propri contenuti

E sono proprio le startup a ricoprire un ruolo sempre più importante e decisivo nel tracciare i nuovi trend. Tanto che, come ricordato dagli organizzatori, quest’anno è stato più complicato individuare i soggetti che potessero concorrere al premio e proporre il loro pitch ad una giuria di specialisti. Startup che sono state scelte dopo un lungo percorso di mentoring e superando centinaia di altre candidature.

adtech-london-blog-graphics672_v21

Buzzoole

Nata nel 2013, Buzzoole è una piattaforma di Influencer Marketing in grado di connettere i brand ai giusti influencer della rete grazie all’utilizzo dei big-data, al fine di stimolare le conversazioni intorno alle loro campagne.

team buzzoole

Grazie alla tecnologia di Buzzoole, le aziende potranno pianificare in totale autonomia campagne di buzz marketing con budget liberi e flessibili. Attualmente ha sedi a Londra, Milano, Roma e Napoli, oltre che collaborare attivamente con oltre 350 clienti grazie a oltre 160.000 utenti iscritti da tutto il mondo. Nel 2015 ha ricevuto un round di finanziamento, pari a un milione di euro, da parte di diversi finanziatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

“Non siamo una famiglia, siamo una squadra”, ecco perché in Netflix si lavora bene

Netflix si distingue da Facebook e Google per politica aziendale: nessuna festa, tornei di frisbee o tributi al Burning Man. Però non esistono giorni di vacanza prefissati, i dipendenti possono andare in ferie quando vogliono

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola

Prime Wardrobe, il servizio di Amazon che permette di provare gli abiti prima di acquistarli

Il nuovo servizio di abbigliamento Prime Wardrobe, è un try-before-you-buy. Disponibile solo per i clienti Amazon Prime consentirà di scegliere in un catalogo di un milione di pezzi i vestiti e le scarpe più adatti, senza essere obbligati ad acquistare ciò che si ordina

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.