Unilever sceglie 15 startup per il suo contest (50mila euro) a Londra. C’è anche un’italiana, Buzzoole

C’è anche Buzzoole nella finale di ad:tech, promossa da Unilever. Parliamo del più importante appuntamento europeo dedicato all’applicazione della tecnologia in ambito pubblicitario. Chi vince si porta a casa 50 mila euro

Buzzoole, startup italiana tra le più importanti in ambito influencer marketing, è stata selezionata tra le 15 finaliste di “The Next Big Thing”, premio promosso da Unilever e dedicato alle società emergenti del digital marketing. Il premio fa parte di ad:tech, uno dei principali eventi a tappe, in tutto il mondo, dedicato all’applicazione della tecnologia in ambito pubblicitario. La vincitrice, scelta a Londra, il 2 e 3 novembre, si porterà a casa 50mila euro.

buzzoolefunziona

750 realtà presenti all’ad:tech

L’evento londinese, giunto alla sua undicesima edizione, ospiterà startup e aziende che rappresentano le migliori tendenze dell’advertising innovation e del marketing europeo. Nella capitale inglese sono attesi 750, tra brand e media agency, per designare gli scenari futuri di un mondo che sta attraversando un profondo cambiamento. Un’edizione, come si legge sul sito, che proprio quest’anno ha deciso di rinnovare il proprio format e i propri contenuti

E sono proprio le startup a ricoprire un ruolo sempre più importante e decisivo nel tracciare i nuovi trend. Tanto che, come ricordato dagli organizzatori, quest’anno è stato più complicato individuare i soggetti che potessero concorrere al premio e proporre il loro pitch ad una giuria di specialisti. Startup che sono state scelte dopo un lungo percorso di mentoring e superando centinaia di altre candidature.

adtech-london-blog-graphics672_v21

Buzzoole

Nata nel 2013, Buzzoole è una piattaforma di Influencer Marketing in grado di connettere i brand ai giusti influencer della rete grazie all’utilizzo dei big-data, al fine di stimolare le conversazioni intorno alle loro campagne.

team buzzoole

Grazie alla tecnologia di Buzzoole, le aziende potranno pianificare in totale autonomia campagne di buzz marketing con budget liberi e flessibili. Attualmente ha sedi a Londra, Milano, Roma e Napoli, oltre che collaborare attivamente con oltre 350 clienti grazie a oltre 160.000 utenti iscritti da tutto il mondo. Nel 2015 ha ricevuto un round di finanziamento, pari a un milione di euro, da parte di diversi finanziatori.

Le chiamano le “Uber del lavoro”: 3 startup (non italiane) che stanno correndo di più

Sempre più piattaforme offrono lavoretti a chiamata e che sono alla base della cosiddetta gig economy. E sono anche il modo migliore per le aziende di assicurarsi copertura nei momenti critici senza assumere stabilmente nuovi dipendenti: il trionfo dell’outsourcing

I Mooc di Harvard e MIT stanno perdendo studenti. E il motivo è semplice

Un’indagine realizzata su 290 corsi delle due università americane ha rintracciato nell’introduzione del pagamento delle certificazioni una delle cause della crisi. Sotto osservazione anche la proliferazione dei corsi a contenuto specialistico che porta gli studenti a distribuirsi

Open hardware e agricoltura di precisione per sostenere le PMI agricole. Il progetto RuralHack

Se ne parla al Country Hack Fest il 22 gennaio: il punto sul rapporto tra digitale e territorio rurale, verso un futuro nel quale tecnologie e sostenibilità saranno protagonisti di un cambiamento radicale della cultura di approccio alla terra

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli