Trump Traker, così la rete terrà d’occhio le “promesse” fatte da Donald Trump

Trump Tracker è una piattaforma, totalmente open, per monitorare tutte le promesse fatte da Donald Trump durante la sua campagna presidenziale. Un modo per verificare quanto cambierà il suo programma. Un’operazione di fact-checking partecipato che dimostra quanto la rete sia ormai entrata, attivamente, nel mondo della politica

Mantenere le promesse fatte in campagna elettorale è il dovere principale di ogni politico. Questo è quello che ogni elettore si aspetta dopo aver concesso il proprio voto ad un determinato candidato e, si spera, al suo programma. Un impegno che, con l’avvento di internet, è sempre più difficile eludere. Negli anni passati abbiamo assistito a contratti firmati in televisione, articoli e grafici che diffondevano percentuali e mancanze, comparazioni che sottolineavano la fedeltà di ogni governante ai propri principi e valori. Prima e dopo le elezioni. E anche Donald Trump, che da due giorni è diventato il 45esimo Presidente degli Stati Uniti d’America, dovrà fare i conti con questo tipo di monitoraggio. Attento e scrupoloso. Alcuni hacker americani hanno infatti lanciato una piattaforma su github, Trump Tracker, per verificare se le promesse fatte in campagna elettorale si trasformino, effettivamente, in realtà. Anche le più estreme.

schermata-2016-11-11-alle-11-02-21

La divisione in categorie

Sono quattro le categorie che sono state scelte per seguire le iniziative portate avanti dalla Casa Bianca: i progetti non ancora avviati ma annunciati; i progetti “in progress”; i progetti archiviati, ovvero portati a termine con successo; i progetti “broken” o abbandonati del tutto. Verrano presi in esame i primi 100 giorni dell’amministrazione Trump, quelli in cui emergeranno le linee principali che il Presidente seguirà durante il suo mandato. Ogni utente, collegandosi alla piattaforma, potrà accedere alle diverse sezioni tematiche per conoscere l’avanzament o dei lavori: dalla cultura all’economia, dall’immigrazione alla sicurezza nazionale. Ma non solo.

donald-trump-charleston

Una chiamata alla cittadinanza

Trump tracker, uno strumento totalmente open source, aspetta il contributo di tutti quei cittadini americani che oggi non si sentono rappresentati dal Presidente eletto. Soprattutto per quanto riguarda la denuncia di tutte quelle proposte, spesso deplorevoli, che Trump ha annunciato durante la sua campagna elettorale e che, dopo neanche 48 ore, stanno iniziando a scomparire dal suo programma. Si tratta di un’iniziativa nuova che, con queste modalità, non è stata fatta per altri inquilini della Casa Bianca. Una grande operazione di fact-checking politico. Tra le più grandi al mondo.

Galaxy Note 8, tutte le notizie prima del lancio

Dopo la sfortunata storia del Note 7, quest’anno Samsung spera di bissare il successo del Galaxy S8. Con un terminale munito di pennino e accessori omaggio per chi prenota subito

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Android 8.0, nome in codice: Oreo

Rispettata la tradizione dei dolcetti anche nella nuova release del sistema operativo mobile di Google. Che porta in dote novità per velocità e sicurezza

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi