Digital Transformation, PA e imprese: il CTO meeting a Codemotion Rome in tre punti

Open Data, SPID e Infrastrutture: i tre temi intorno ai quali si è articolata la discussione all’interno del primo CTO meeting nel corso di Codemotion Rome

Open Data, SPID e Infrastrutture: ecco i tre temi intorno ai quali si è articolata la discussione all’interno del primo CTO meeting, la prima occasione di confronto e condivisione tra coloro che la Digital Transformation la stanno facendo davvero. L’evento è stato fortemente voluto da Codemotion, che lo ha ospitato durante i giorni della conferenza. A guidare il dibattito Ugo Landini (principal software Architect a Red Hat) che ha aperto l’incontro proponendo per l’occasione un rovesciamento di ruoli tra cliente e fornitore, tra PA e aziende. Da un lato quindi Simone Piunno, CTO del Team per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, guidato da Diego Piacentini, Michele Melchionda, CTO della Corte dei Conti, insieme a Nicola Breda, Head of Innovative E2E Applications di UniCredit, hanno presentato le loro realtà e i loro “prodotti”, dall’altro 30 selezionatissimi CTO di aziende e startup innovative hanno incalzato i tre sulle future sfide e necessità.

Leggi anche: La PA cerca sviluppatori. Che cos’è Developers Italia, la community del Team Digitale del Governo
Codemotion

Al centro Simone Piunno, Chief Technology Officer Team Digitale | Credits by: Codemotion /Stefano Snaidero /Inesse

Big Data: l’oro della PA

I Big Data, l’oro della PA, sono stati i grandi protagonisti del meeting, sia in termine di digitalizzazione del dato, sia e soprattutto in termini di accesso e di fruizione: quello che è emerso in maniera preponderante è la necessità di offrire dataset completi e di qualità, che permettano alle aziende di costruire attorno ad essi prodotti e servizi. Sempre in termini di semplificazione ha ottenuto una menzione speciale SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. La promessa di Simone Piunno è di superare le attuali difficoltà implementative e offrire maggiori integrazioni e servizi, anche grazie al lancio della piattaforma Developers Italia, la neonata community italiana di sviluppatori di servizi pubblici.

Ordine, non infrastrutture

Come sottolineato da Melchionda, la PA ha bisogno di ordine, più che di infrastrutture, di un sistema di razionalizzazione delle risorse che favorisca l’uso piuttosto che il riuso. Il suo sogno è offrire a tutte le amministrazioni un solo software multitenat, abbandonando la pletora di soluzioni e strutture ripetute o customizzate. «È una questione culturale: in Italia non abbiamo ancora fatto nostre queste best practices» ha detto Michele Melchionda, ribadendo l’importanza di rimettere la PA al centro del dibattito tecnologico come parte attiva, attraverso l’internalizzazione di expertise tecniche che siano in grado di esprimere con chiarezza le necessità e valutare con competenza le proposte dei partner.

Una banca in GOLang

Sull’analisi dei Big Data è tornato anche Nicola Breda, in particolare usati per l’analisi real time dei pattern di comportamento dei propri clienti. L’infrastruttura, realizzata sulla base di moderne tecnologie e framework open source, permette a Unicredit di agire in modo predittivo nella churn prevention.

Non è mancato, nelle parole di Breda, un pizzico di invidia nei confronti di Monzo, la banca UK che ha recentemente illustrato la propria infrastruttura tecnologica: software scritto in GOLang, organizzato in microservices e messo in produzione con Docker. Una perla rara nel mondo del software bancario — in Italia e non solo,  ancora pesantemente legato a COBOL e mainframe. Al temine delle oltre due ore di dibattito, la sensazione che si ha è che la PA rimanga in ogni caso pachidermica, ma che sacche virtuose si stiano muovendo nelle posizioni chiave per trasformare il processo produttivo e ricostruire un nuovo dialogo con il cittadino che sia attivo e cooperativo.

Leggi anche: 10 buone ragioni per partecipare a Codemotion Rome, che nessuno vi ha detto (ancora)
Leggi anche: Da DevNet al Codelab, anche Cisco protagonista a Codemotion Rome 2017

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti