Da Father.io a Tech My Cosplay: a Romics realtà aumentata, Hyper Reality e startup

Alla Fiera di Roma dal 6 al 9 aprile in programma l’edizione numero 21 del Festival Internazionale del fumetto, dell’animazione, del cinema e del games. Abbiamo scelto per voi alcuni degli appuntamenti più interessanti

La presentazione in anteprima assoluta di Father.io, la versione giocabile del gioco in realtà aumentata più atteso dell’anno. A raccontare i particolari di un’avventura lunga 4 anni, Francesco Ferrazzino (ceo e founder) e il team di Proxy42, startup italoamericana (basata a San Francisco, team, ricerca e sviluppo in Italia, a Trento), nata nel 2012. Un progetto che ha raccolto nella sua campagna di crowdfunding su Indiegogo 440,272 dollari e 6,833 baker e che a detta di testate di settore potrebbe cambiare il modo in cui intendiamo il gaming. Lo farà portando il gioco per le strade, nei luoghi del passeggio, del tempo libero grazie ad un’app e un piccolo strumento ottico (una sorta di laser) da collegare allo smartphone. L’appuntamento con Father.io è sabato alle 12, al Padiglione 6 della Fiera di Roma. Dove dal 6 al 9 aprile, appunto, è in programma Romics 2017. O #RomicsXXI se si preferisce. Ma l’edizione numero 21 del Festival Internazionale del fumetto, dell’animazione, del cinema e del games è sì Father.io, ma è anche tanto altro e incrocia l’innovazione in una serie di appuntamenti. Ne abbiamo selezionati alcuni.

Leggi anche: L’apocalisse digitale di Father.io, gioco di realtà aumentata italiano atteso da 340mila gamers nel mondo
Romics

Cosplayer in azione all’ultima edizione di Romics credits romics.it

 

Crowdfunding: 2 casi di successo firmati Italia

Sempre sabato, sempre il creatore di Father.io Francesco Ferrazzino, protagonista alle 15 di Crowdfunding: due casi di successo firmati Italia tra cinema e videogame. Intervengono anche Paolo Cellammare e Maurizio Merluzzo che raccontano The Crystal Gear.

Tech My Cosplay

Pensavate forse che le istituzioni avessero poco a che vedere con i colori sgargianti e la fantasia dei cosplayer? Vi sbagliate. Regione Lazio, Lazio Creativo hanno organizzato proprio a Romics (sabato 8 aprile, alle 11, presso la Sala Workshop al Padiglione 9) il Tech My Cosplay. Un laboratorio che unisce il mondo Cosplay alla tecnologia. Ai cosplayer verranno dati gli strumenti per lavorare sui loro progetti e crearne ex novo insieme ad un team tecnico eccezionale. Led, sensori, codice e fantasia, saranno gli elementi che porteranno alla creazione di oggetti inediti. Per i progetti migliori in palio buoni Amazon per 1.500 euro. QUI per iscriversi e partecipare.

Leggi anche: Dentro il primo campionato italiano di eSport. Cosa è successo a Romics 2016

Hive Division e Hyper Reality

Sempre sabato, al Padiglione 5 (Sala Movie, alle 11), Incontriamo Hive Division! Giacomo Talamini e Valentina Paggiarin raccontano le esperienze nella storia di questa innovativa casa di produzione legata all’universo dei videogame. Alle 15 si parla di Le nuove frontiere della Realtà Virtuale. Intervengono Fabio Mosca CTO di AnotheReality e Fabrizio Terranova di Symmetrical. Dalle esperienze di formazione all’Hyper Reality.

eSports anche a Romics XXI

Vi ricordate GEC, la startup che, insieme a Romics aveva organizzato tra settembre e ottobre Lega Prima, il primo campionato italiano di eSport, dedicato a League of Legend (Riot Games)? In questa edizione primaverile di Romics si replica al padiglione 6 – Pala Games. QUI il programma.

Anche i ragazzi dell’Apple Academy dentro il dream team di Giffoni

Grazie a un’intesa siglata dall’università Federico II e il Giffoni Innovation Hub, gli allievi del polo di San Giovanni a Teduccio potranno integrarsi nel gruppo di innovazione che sviluppa idee imprenditoriali creative connesse al festival del cinema per ragazzi

Noi cuciniamo, tu fai lo chef. Ecco i meal kit di Amazon

Un’indiscrezione di TechCrunch racconta di una serie di marchi e slogan registrati a tema cibo, fra cui quelli relativi a un servizio di consegna a domicilio di kit con ingredienti pronti per “costruire” un pasto. E non solo

Dalle borse alla tecnologia. Il marchio Louis Vuitton arriva anche sullo smartwatch

Realizzato in collaborazione con Google e Qualcomm Technology, il Tambour Horizon di Vuitton si differenzia dagli altri per lo stile e la personalizzazione, con una varietà di 30 cinturini sia per uomini che per donne. Può arrivare a costare 2.900 dollari