Il chatbot per favorire l’integrazione dei rifugiati che ha vinto Techfugees. MEETS

Superamento delle barriere culturali e integrazione tra i Millennials rifugiati e locali, questi i fili conduttori di TechFugees Roma, la maratona di sviluppo voluto fa Unicef e Facebook e realizzato da Codemotion negli spazi di LUISS Enlabs

Chatbot, machine learning, blockchain sono stati i grandi protagonisti dell’hackathon TechFugees Roma (#TechFugeesRoma su Twitter), la sfida di 30 ore per sviluppare soluzioni tecnologiche pensate per alleviare le difficoltà dei migranti. L’hackathon, fortemente voluto da Unicef e Facebook e realizzato da Codemotion negli spazi di LUISS Enlabs (stazione Termini), aveva chiesto ai developer e ai designer che hanno partecipato, di immaginare e realizzare nel breve spazio di due giorni, prototipi che fossero in grado di fornire indicazioni, supporto, aiuto concreto a coloro che, vivendo in una situazione di disagio nel proprio Paese, sono costretti a chiedere ospitalità nel nostro. La risposta è stata molto calda, l’hackathon è andato sold out in pochissime ore, ed è stato bello vedere tra i supporter di questa iniziativa anche Gianluca Varisco del Team per la Trasformazione Digitale – Presidenza del Consiglio dei Ministri e Umberto Rosini di AgID – Agenzia per l’Italia Digitale, che hanno svolto una grande attività di mentorship verso i partecipanti. Flavia Marzano, Assessora Roma Semplice di Roma Capitale ha espresso il suo appoggio all’iniziativa, sottolineando il valore di innovazione e accoglienza di questi progetti.

TechFugees

Meets, il team che ha vinto TechFugees Roma

…and the winner is…

Dopo 30 ore di sviluppo, la vittoria è andata al progetto MEETS, un chatbot educativo su Facebook Messenger, che permette ai rifugiati di apprendere in maniera divertente, la lingua o gli usi e costumi del paese in cui si trovano. Attraverso un percorso di gamification e geolocalizzazione, l’utente viene messo in contatto con coetanei che organizzano attività ludiche o eventi di incontro appositamente direzionati all’integrazione. MEETS entrerà a far parte del progetto FBStart, per passare da un progetto sulla carta a un prototipo funzionante in breve: al di là del gioco infatti, l’obiettivo di Techfugees Italia è dare concretamente avvio a veri e propri progetti imprenditoriali, che diano risposte concrete e durature a una delle emergenze sociali più sfidanti dell’epoca.

Gli altri progetti

6 i progetti presentati durante l’hackathon, con un comune denominatore però: trovare un modo che aiuti i migranti a integrarsi trovando informazioni utili e geolocalizzate, possibilmente nella loro lingua. Cibo, ospitalità, ma anche norme legislative e spettacoli, perché l’integrazione passa anche (e molto) dalla cultura: la creatività dei team ha utilizzato le potenzialità del machine learning per pensare a progetti interconnessi e piattaforme multilingue e agili in una città smart.

 

Anche i ragazzi dell’Apple Academy dentro il dream team di Giffoni

Grazie a un’intesa siglata dall’università Federico II e il Giffoni Innovation Hub, gli allievi del polo di San Giovanni a Teduccio potranno integrarsi nel gruppo di innovazione che sviluppa idee imprenditoriali creative connesse al festival del cinema per ragazzi

Noi cuciniamo, tu fai lo chef. Ecco i meal kit di Amazon

Un’indiscrezione di TechCrunch racconta di una serie di marchi e slogan registrati a tema cibo, fra cui quelli relativi a un servizio di consegna a domicilio di kit con ingredienti pronti per “costruire” un pasto. E non solo

Dalle borse alla tecnologia. Il marchio Louis Vuitton arriva anche sullo smartwatch

Realizzato in collaborazione con Google e Qualcomm Technology, il Tambour Horizon di Vuitton si differenzia dagli altri per lo stile e la personalizzazione, con una varietà di 30 cinturini sia per uomini che per donne. Può arrivare a costare 2.900 dollari