La startup (supportata da I3P) che mette in movimento pacchi e oggetti. Take My Things

Francesco Demichelis e Guido Balbis hanno sviluppato un servizio di Social Transport dedicato agli oggetti. La piattaforma di trasporto condiviso ruota attorno ad un’app gratuita

Take My Things è un startup che ha sviluppato una piattaforma per mettere in contatto domanda e offerta, chi deve trasportare un pacco e chi è disposto a farlo, e trovare una soluzione nel più breve tempo possibile. Take My Things ruota intorno ad un’app gratuita. Per usufruire del servizio basta inserire l’oggetto, l’indirizzo di presa e di consegna, la data e l’ora massima per la consegna, la cifra che si è disposti a pagare. Take My Things incrocia i dati, creando una rete in grado di soddisfare le esigenze di trasporto. Take My Things si è costituita come società a febbraio 2015, il lancio dell’applicazione è avvenuto a gennaio 2016. Dall’autunno del 2015 sono supportati da I3P, l’Incubatore di Imprese Innovative del Politecnico di Torino. Secondo i dati forniti da Take My Things, finora sono stati oltre 1.000 pacchi messi in movimento. Il team di Take My Things è composto da Guido Balbis, esperto di marketing e co-founder, Walter Chialva, esperto di sistemi IT, Pennella Fabio, che si occupa di marketing. E dal founder Francesco Demichelis. Proprio a Francesco StartupItalia! ha chiesto di entrare nel dettaglio del progetto.

TakeMyThings

Francesco Demichelis e Guido Balbis, rispettivamente founder e co-founder di TakeMyThings

Di cosa si occupa la startup?

«Take My Things è una piattaforma per il trasporto condiviso di oggetti (dai pacchi, ai documenti, fino alle chiavi). E’ un servizio veloce ed economico perché utilizza gli spostamenti che fanno i nostri utenti nella vita di tutti i giorni. E’ il primo delivery network».

Come è nata l’idea?

«Era il 31 dicembre 2014. Parto da Saluzzo per andare a passare la notte di Capodanno a Sanremo, sono le 15, arrivo a destinazione e ho dimenticato a Saluzzo le chiavi della casa al mare. Istintivamente cerco lo smartphone e mi chiedo “ci sarà un’app che possa mettermi in contatto con quelli che stanno partendo ora da Saluzzo o dintorni e che mi possano portare le chiavi in tempo per la serata?”. No, putroppo non c’era».

Come si è sviluppata la startup?

«Abbiamo costituito la società a febbraio 2015 e commissionato lo sviluppo del software a marzo 2015. A ottobre 2015 l’app era già negli store principali. Il 2016 poi lo abbiamo dedicato alla raccolta di utenti (a oggi circa 6/7000) presenti su Torino e quest’anno stiamo replicando su Milano l’esperienza fatta su Torino».

Come si sostiene la startup e quanto fattura?

«Fino ad oggi la startup si è sostenuta con i finanziamenti dei soci. A breve abbiamo in programma una campagna di crowdfunding. A oggi il servizio è gratuito e non si prevede fatturazione. Si inizierà a prevedere una fee sulle transazioni dal 2018».

Rapporti con le grandi aziende e partnership.

Abbiamo stretto accordi con alcuni partner, tra i quali Migastone (Società di servizi per le PMI) e Mercury By Bike (startup di piccoli trasporti last-mile son cargo bike in Torino).

I prossimi passi

«Procederemo nei prossimi 12 mesi e espandere il servizio a Milano, Perugia, Chieti, Teramo, l’Aquila».

Anche i ragazzi dell’Apple Academy dentro il dream team di Giffoni

Grazie a un’intesa siglata dall’università Federico II e il Giffoni Innovation Hub, gli allievi del polo di San Giovanni a Teduccio potranno integrarsi nel gruppo di innovazione che sviluppa idee imprenditoriali creative connesse al festival del cinema per ragazzi

Noi cuciniamo, tu fai lo chef. Ecco i meal kit di Amazon

Un’indiscrezione di TechCrunch racconta di una serie di marchi e slogan registrati a tema cibo, fra cui quelli relativi a un servizio di consegna a domicilio di kit con ingredienti pronti per “costruire” un pasto. E non solo

Dalle borse alla tecnologia. Il marchio Louis Vuitton arriva anche sullo smartwatch

Realizzato in collaborazione con Google e Qualcomm Technology, il Tambour Horizon di Vuitton si differenzia dagli altri per lo stile e la personalizzazione, con una varietà di 30 cinturini sia per uomini che per donne. Può arrivare a costare 2.900 dollari