Il programma di accelerazione intensiva per startup a impatto sociale. Gli Irragionevoli Lab

Dall’8 al 12 maggio gli imprenditori e gli innovatori selezionati verranno a contatto con mentor di livello per ottenere indicazioni su come creare, scalare e mantenere il proprio impatto. Tema di questa seconda edizione l’Investment Preparedness

Dopo la prima edizione, il team di BE-COME è già al lavoro per ripetere l’esperienza di Gli Irragionevoli Lab, programma di accelerazione intensiva dedicato a progetti e startup a impatto sociale e ambientale in partnership con Unreasonable Institute. Il nuovo programma di accelerazione si svolgerà a Milano, dal 8 al 12 maggio. Nell’arco dei 5 giorni, gli imprenditori e gli innovatori selezionati verranno a contatto con mentor di livello per ottenere indicazioni su come creare, scalare e mantenere il proprio impatto. Anche questa edizione del Lab è dedicata all’Investment Preparedness, per fornire ai progetti selezionati gli strumenti necessari per una corretta strategia di fundraising. QUI per applicare (c’è tempo fino al 20 aprile). Il team di BE-COME è alla ricerca di imprenditori irragionevoli e di progetti che siano in grado di generare benefici per la società, imprenditori o team che hanno bisogno di acquisire competenze e di entrare in contatto diretto con professionisti del settore e con potenziali finanziatori.

Unreasonable Lab

Leggi anche: Unreasonable Lab finanzia 3 startup provenienti dalle zone terremotate

Mentorship componente chiave del Lab

«Il nostro metodo di lavoro – ha spiegato Mico Curatolo, project manager di BE-COME – è irragionevole: promuove sessioni di lavoro pratiche in cui mentor, coach e imprenditori lavorano insieme sui documenti relativi ai progetti. Questo approccio rende le mentorship una componente chiave del Lab: attraverso i tutoraggi, i workshops e le sessioni pratiche da parte di persone che a loro volta hanno vissuto con successo le prime fasi di una startup, i giovani imprenditori selezionati possono ricevere insegnamenti efficaci e vitali per il successo delle loro attività».

A chi è rivolto il Lab

Possono prendere parte al programma 10-12 progetti innovativi e ad alto impatto ​sulla collettività e provenienti dai settori più diversi. Sono ammessi sia singoli, che team di innovatori, changemaker, imprenditori, o aspiranti tali, che abbiano un progetto, un’idea, una startup o un’impresa con cui desiderano generare un alto impatto nella società. Gli Irragionevoli si rivolge anche a coloro che sono imprenditori e che non sanno di esserlo​, come i team attivi in settori atipici per le startup: sport, arte, architettura, design, psicologia, recitazione, o educazione. «Siamo convinti che il DNA imprenditoriale italiano  – fanno sapere dal team di BE-COME – sia pieno di innovatori che costruiscono ogni giorno, con impegno e passione, forti comunità e organizzazioni dirompenti. Spesso, sono proprio questi i progetti che hanno meno strumenti e conoscenze tecniche su come reperire i capitali con cui far decollare le proprie idee».

Unreasonable in Italia

Gli Irragionevoli Lab è il secondo capitolo italiano del noto programma di accelerazione Unreasonable Institute USA che, grazie a una particolare metodologia​, vanta un track record unico nel panorama degli acceleratori: il 93% delle imprese che vi hanno partecipato sono riuscite a ottenere finanziamenti​. Inoltre i programmi Unreasonable sono presenti in 29 Paesi del mondo. «Vogliamo utilizzare le metodologie americane più all’avanguardia per chiudere il gap con ecosistemi più evoluti come la Silicon Valley, sfruttando e valorizzando le unicità dell’ecosistema italiano che è storicamente tra i principali contribuenti dell’ONU e uno dei più attivi paesi in campo sociale e per la lotta contro le ingiustizie».

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.