immagine-preview

Dic 17, 2018

522 milioni di euro raccolti dalle startup nel 2018. Tutti i finanziamenti

Il 2018 è l'anno del record dei finanziamenti per le startup italiane. Raccolti 30 milioni solo con il crowdfunding, sono nati fondi per un totale di 880 milioni. Tutti i round

Sono più di 520 i milioni di euro raccolti nel 2018 da startup italiane e da startup fondate da italiani ma con sede all’estero. Più precisamente 522 milioni. Questa cifra somma i round realizzati da gennaio 2018 ad oggi da startup italiane e da startup fondate da italiani ma con sede all’estero e i milioni raccolti da startup tramite piattaforme di equity crowdfunding. Soltanto due mesi fa gli investimenti si fermavano a 307 milioni (cifra già record) il che significa che in meno di tre mesi c’è stato un incremento di oltre 211 milioni. Si tratta davvero di una cifra record rispetto all’anno scorso che aveva registrato un calo di investimenti non raggiungendo i 140 milioni annui.

Quest’anno sono stati 81 i round chiusi e le operazioni di equity crowdfunding hanno totalizzato 30 milioni di euro (4,6 solo negli ultimi 2 mesi). In questi ultimi 12 mesi sono nati anche nuovi fondi per un totale di 880 milioni di euro che permetteranno la crescita dell’ecosistema italiano. Ai 720 del primo semestre che comprendono Indaco Venture Partners Sgr con il suo fondo da 200 milioni, P101 con un fondo da 120 milioni, il fondo della famiglia Moratti dedicato alle startup che si occupano di fashion, quello della famiglia Agnelli da 100 milioni  si aggiungono anche i 60 milioni annunciati da Politecnico di Milano con 360 capital partners, i 20 milioni di IREN UP e gli 80 milioni di Sofinnova e Telethon. Ancora Cassa Depositi e prestiti e Fondo Europeo per gli investimenti hanno unito le forze con un totale di 200 milioni per sostenere ITATech, la prima piattaforma di investimento a supporto dell’eccellenza della ricerca che sosterrà il finanziamento dei processi di trasferimento tecnologico.

Grande attenzione anche verso l’economia green e le startup che lavorano in questo ambito. Il 25 settembre Intesa Sanpaolo ha annunciato il lancio di un plafond fino a 5 miliardi di euro per la circular economy (ne abbiamo parlato  qui). Di inizio settembre poi  la dichiarazione di Luigi Di Maio che, durante DigithON a Bari, ha annunciato un fondo da 4 miliardi di euro per le startup italiane.

Com’è andata rispetto agli anni scorsi

Se si guarda al 2018 si può vedere che i 522 milioni di euro di investimento superano di quattro volte i 136 milioni con cui abbiamo chiuso il 2017. Ne avevamo parlato qui. Un dato decisamente positivo e che fa eleggere il 2018 ad anno della svolta per le startup italiane. Lo certifica anche il Politecnico che ha diramato il suo rapporto riguardante gli investimenti di startup Hi tech dal settembre 2017 all’inizio novembre 2018 che arrivano a sfiorare in proiezione i 600 milioni. “I segnali degli ultimi 2 anni appaiono positivi – ci ha detto Antonio Ghezzi Direttore dell’Osservatorio Startup Hi-Tech del Politecnico di Milano – tali da poter rappresentare una piattaforma su cui costruire la crescita verso l’ambizioso obiettivo di un miliardo di euro di finanziamenti annui. Note dolenti restano lo scarso numero di Exit, il coinvolgimento degli attori Corporate ancora non sufficientemente sistematico, strategico e scientifico, e la dimensione relativa ridotta rispetto a altre economie europee comparabili”.

 

Boom del crowdfunding

Un dato che spicca nel 2018 è quello del boom dell’equity crowdfunding che in questi 12 mesi ha raccolto 30 milioni di euro (cifra che comprende anche le raccolte di PMI): nel 2017 il totale raccolto si era fermato a 11,7 milioni e il 2016 aveva visto una raccolta di 4,5 milioni di euro. Cifra record sono state raccolte da Glass To Power: 2,3 milioni con CrowdFundMe, e da Soisy che ha raccolto 1,2 milioni di euro con 200crowd.

 

I round record: spicca Prima.it

Tra le startup che hanno brillato per milioni raccolti c’è il record assoluto di Prima.it che ha chiuso un investimento da 100 milioni di euro con Goldman Sachs e Blackstone come VC. Di pochi giorni fa la news del finanziamento da 30 milioni di MotorK da parte della Banca Europea per gli investimenti. Tra ottobre e novembre MiScusi e Easy Rain hanno chiuso round da 5 milioni e Milkman ha raccolto 6,4 milioni, a settembre Satispay ha chiuso il finanziamento da 15 milioni di euro lanciato a luglio, Altheia che ha registrato un investimento da 9,3 milioni e Credimi che ha chiuso un round da 10 milioni con United Ventures SGR e Vertis SGR. Da sottolineare in questo ultimo semestre anche la Exit di Musement di cui però non è stata indicata l’entità ma che potrebbe spostare ancora più in alto il dato.

Nei primi sei mesi abbiamo dato notizia dei 25,6 milioni ottenuti da EryDel, dei 20 milioni di Medical Microinstruments, dei 20 milioni di dollari di Coreview, dei 10 milioni di dollari di Freeda Media, e dei 13 milioni di Supermercato24.

Le startup italiane all’estero

Tra le operazioni più consistenti dell’anno ci sono anche quelle registrate da aziende fondate da italiani ma con sede all’estero: c’è quella di Moneyfarm chiusa il 29 maggio con Allianz: un’operazione da 46 milioni di euro. Segue l’investimento da 27 milioni in Cuebiq e quella da 7 milioni di iGenius. C’è poi OvalMoney che ha sede a Londra e Torino e che nel primo trimestre del 2018 ha comunicato due operazioni: la prima comprensiva di crowdfunding e altri investimenti per 1,3 milioni; la seconda chiusa con Intesa SanPaolo e la sua Neva Finventures e il cui ammontare non è stato reso noto. Infine, una startup con founder italiani ma sede negli Stati Uniti, Conio, ha chiuso un round da 3 milioni di dollari.

 

I round tra ottobre e dicembre

Travel Appeal

A inizio ottobre la startup specializzata in Data Science e Intelligenza Artificiale al servizio del business di tutti i professionisti della Travel Industry, ha chiuso un nuovo aumento di capital con fondo Indaco Ventures e Airbridge Equity Partners. Ne abbiamo parlato qui.

Milkman

Importante iniezione di fiducia per Milkman, la startup delle consegne a domicilio. A inizio ottobre è stato firmato un aumento di capitale da 6,4 milioni, con l’ingresso di un nuovo investor. Vertis si unisce così a P101 e 360 Capital Partner, che avevano sottoscritto il primo round nel 2016. Qui per approfondire.

 

Wher

L’aumento di capitale della startup accelerata da SocialFare vede protagonisti alcuni dei principali attori dell’Impact Investing italiano: Oltre Venture ha guidato la cordata di investimento insieme a SocialFare Seed Srl (veicolo di seed investment che ogni anno investe fino a mezzo milione di euro nelle startup e imprese selezionate attraverso la call FOUNDAMENTA) e BoostHeroes, società venture capital creata dal fondatore di lastminute.com. Ne abbiamo parlato qui.

Soundreef

I soci decidono di iniettare nuovi capitali nella startup che si occupa del diritto d’autore. L’aumento di capitale è da 3,5 milioni di euro. (Qui per approfondire)

TAG

A metà ottobre operazione da 3,6 milioni di euro per Digital Magics e Talent Garden. La creatura di Davide Dattoli ora vale 40 milioni di euro, con quasi 9 milioni di fatturato nel 2017. (Ne abbiamo parlato qui).

Prima.it

Il primo round italiano da 100 milioni di euro se lo aggiudica Prima.it, società che lavora nel settore Insurtech. Prima Assicurazioni  è un’agenzia assicurativa online nata nell’estate del 2015 con l’obiettivo di semplificare il mondo dell’assicurazione auto e rendere più immediata l’interazione quotidiana tra cliente e agenzia specializzata nella distribuzione di polizze Rc auto, moto e furgoni che già conta 250.000 clienti. Il round è stato firmato da Goldman Sachs e Blackstone. Per approfondire qui.

Witailer

Witailer, startup lanciata solo un anno fa, hanno incassato un round da 270.000 euro finanziati dal programma Smart & Start di Invitalia Ventures. Qui per approfondire.

Easy rain

La startup dell’aquaplaning ha chiuso un aumento di capitale di cinque milioni di euro. I protagonisti dell’aumento di capitale sono Indaco Ventures I e Aldo Bianchi Vimercati che investono così su Easy Rain, pronta ora alla prototipazione e alla successiva fase di industrializzazione. Ne abbiamo scritto qui.

Fluentify

Stefano Marsaglia (Peninsula Capital) ha guidato l’aumento di capitale da 1,5 milioni di euro della piattaforma che offre corsi di inglese online. La startup è cresciuta del 200% anno su anno. Ne abbiamo parlato qui.

Brandon

L’azienda costituita nell’agosto del 2012 da Paola Marzario, distributore digitale specializzato nel fashion e nello sport, nell’home&living e nel beauty, ha chiuso un round di investimento da 3 milioni di euro. Lead investor dell’operazione sono Primomiglio Sgr, attraverso il fondo Barcamper Ventures, e Invitalia Ventures Sgr., attraverso il fondo Italia Venture I dedicato a supportare le startup e le pmi ad alto potenziale di crescita. Qui per approfondire.

Sportclubby

La startup di Chiavari, con sede in Wylab, raccoglie il sostegno di nuovi investitori con un round da 600k. Capitali che serviranno a potenziare lo staff e sostenere la crescita. Ne abbiamo parlato qui.

Miscusi

il primo brand di ristorazione italiano totalmente dedicato alla pasta, ha raccolto 5 milioni di euro di capitali. A capitanare il nuovo investimento il fondo di venture capital Mip, Milano Investment Partners. Qui per approfondire.

Exein

Un finanziamento da 2 milioni di euro firmato da United Ventures per Exein, startup che si occupa di cybersicurezza in particolare per i comparti dell’Internet delle cose, dei dispositivi e delle infrastrutture critiche e industriali. Qui per approfondire.

MioAssicuratore

Aumento di capitale da 1,5 milioni di euro per il servizio online che calcola istantaneamente i preventivi per qualsiasi tipologia assicurativa con 240.000 utenti registrati. Qui per approfondire.

Motork

MotorK ai primi di dicembre ha ricevuto 30 milioni dalla Banca Europea per gli investimenti La scaleup dell’automotive, sul palco con noi a StartupItalia! Open Summit 2017, programma un investimento di 75 milioni in cinque anni per rafforzare il lavoro del suo dipartimento R&D, uno dei più grandi d’Italia. Clicca qui per approfondire.

Iconium

La startup italiana per investire in progetti disruptive con le ICO chiude la prima tranche dell’aumento di capitale da 5 milioni di euro. Un altro colpo a segno per il settore Blockchain.

Buzzoole

Buzzoole che ha chiuso un round da quasi 8 milioni con StarTIP (gruppo TIP) e il fondo “Vertis Venture 2 Scaleup”. Ne abbiamo parlato qui.

BeDimensional

E’ una startup nata in seno all’IIT, l’Istituto italiano di tecnologia che si occupa di produzione di grafene. E’ stata finanziata per  18 milioni di euro che ha ricevuto a inizio del mese dal Gruppo Pellan.

Roboze

Roboze,la startup di Alessio Lorusso che ha vinto il premio speciale EY il mese scorso, ha annunciato di aver chiuso il primo round di investimento da 3 milioni di euro con Equiter SPA, società partecipata da Intesa Sanpaolo, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Fondazione CRC. Se vuoi approfondire, clicca qui

 

VideoDrome

La startup ha ottenuto un finanziamento da Invitalia per un totale di 275 mila euro suddivisi così: 170 mila euro per costi di gestione e 89 mila euro per investimenti hardware marketing e sviluppo. 

I round da giugno a settembre

ToothPic

A inizio luglio ToothPic, la startup spin-off del Politecnico di Torino che opera nel settore della cybersecurity e ha sviluppato un sistema per identificare in campo forense da quale smartphone è stata scattata una fotografia, ha chiuso un investimento da 300k (ne abbiamo parlato qui). L’operazione avvenuta tramite la piattaforma ITAtech ha permesso al fondo Vertis Venture 3 Tech Transfer di entrare nel capitale dell’azienda.

Synapta

La startup che con la piattaforma ContrattiPubblici.org sta rivoluzionando la business intelligence su contratti e bandi della pubblica amministrazione italiana, ha chiuso un round da 430k con Oltre Il SICAF (ne abbiamo parlato qui).

Zerogrado

La software company ha raccolto 1,3 milioni di finanziamenti coinvolgendo imprenditori digitali e artisti come Fedez, Mauro Del Rio (Capital B!), Fabio Cannavale (attraverso Boost Heroes), Nicola Lamberti (founder di TrovaPrezzi), Marco Ferrari e Marco Franciosa (founder di Next14).Ne abbiamo parlato qui.

GenomeUp

La startup che studia il DNA attraverso l’Intelligenza Artificiale, ha chiuso un round da 200K. I fondi arrivano da LVenture Group, dai business angel di Apg e da terzi investitori (qui per approfondire).

Kellify

A fine luglio Kellify, startup che punta a rivoluzionare il mondo degli investimenti con l’intelligenza artificiale, ha raccolto 1,73 milioni di dollari. Tra i vari investitori privati ci sono Alberto Adorini (ex CEO di Payleven) e Riccardo Bianco (ex CEO di Spontex Italy) oltre a diversi business angel. Ne abbiamo parlato qui.

Alliens Pharma

La startup italiana nata nel 2018 per sviluppare trattamenti in grado di curare malattie dermatologiche ha chiuso un round serie A da 3 milioni di euro. L’operazione è stata sottoscritta da diversi investitori, guidati dal fondo di investimenti specializzato nel bio-tech Panakes Partners e da Invitalia Ventures. Per approfondirequi.

Velasca

Il 30 luglio Velasca, il digital brand di calzature made in Italy, ha chiuso un round da 2,5 milioni. L’investimento guidato dal venture capital P101 SGR e dalla società Milano Investment Partners. Ne abbiamo parlato qui.

Together price

La piattaforma di condivisione di servizi in abbonamento digitali che permette di risparmiare fino all’80% sul loro costo, ha chiuso un aumento di capitale da 630mila euro. L’investimento è stato guidato da Samaipata Ventures, fondo internazionale con base a Madrid specializzato in marketplace e piattaforme di e-commerce, e ha visto coinvolti LVenture Group e Angel Partner Group. Approfondimento qui.

Cyber Dyne

La società fondata da Ernesto Minnino e Giovanni Iacca ha chiuso un round sa 2 milioni di euro con Vertis SGR e il partner industriale GELLIFY. Ne abbiamo parlato qui.

Comftech

La startup che produce wearable per neonati e sportivi ha chiuso un round da 7 milioni di euro. L’investimento è stato sottoscritto con Principia SGR ha investito attraverso il Fondo Principia III.

Italian Way

l leader italiano nelle locazioni di breve termine, ha incassato un round di investimento da 4 milioni di euro, sottoscritto da un unico investitore

CashMe

La piattaforma web di intermediazione di fatture commerciali fondata da Marcello Scalmati ha chiuso un aumento di capitale da 1,5 milioni di euro.

Voices of Wealth

La startup fintech con sede a Milano ha chiuso un round da 800K grazie a investitori rimasti anonimi.

HomePal

La startup milanese è un importante attore del mercato immobiliare. Ha chiuso un aumento di capitale da 2,3 milioni. Tra gli investitori anche Homeclub, BPER Banca e l’imprenditore Davide Serra.Qui per approfondire.

Satispay

Il 20 settembre la società di Alberto Dalmasso ha chiuso l’operazione da 15 milioni iniziata a luglio. La raccolta complessiva di Satispay ad oggi sale così a circa €42 milioni, con una valutazione post money di €115 milioni. Ne abbiamo parlato qui.

Credimi

La piattaforma di factoring digitale ha raccolto 10 milioni di euro con un round guidato da United Ventures SGR, a cui si unisce Vertis SGR. Ne abbiamo parlato qui.

Altheia

La startup che opera ne campo biotech ha chiuso un round di finanziamento da 9,3 milioni di euro che potrebbero diventare 15 milioni entro fine anno. Altheia ha siglato un accordo con il Boston Children’s Hospital per poter sviluppare cure e medicine risolutive per le malattie auto-immuni, concentrandosi in primis su sclerosi multipla e diabete di tipo 1. Qui Per approfondire.

Wonderflow

L’azienda con base a Trento ed Amsterdam che sfrutta i big data per fornire un servizio di consumer analytics, ha messo a segno un investimento da 1,5 milioni: a puntare sul team guidato da Riccardo Osti è P101 SGR, che con il suo nuovo fondo PROGRAMMA 102. Ne abbiamo parlato qui.

Skinlabo

La piattaforma della cosmetica italiana ha chiuso un round 500mila euro grazie a diversi business angel. Tra loro, due nomi importanti del mondo del private equity e del beauty italiano: Walter Ricciotti, fondatore e ceo di Quadrivio Group e Stefano Gaetani, già amministratore delegato di Laboratoire Bioderma – Naos Group. Qui per approfondire.

Vikey

Vikey, startup romana del portafoglio di LVenture Group, ha chiuso un round di investimento di 500 mila euro guidato da Italian Angels for Growth (IAG) e Club degli Investitori (CdI). Qui per approfondire.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter