LowRes | Trump, Gasparri, Twitter e me - Startupitalia immagine-preview

Gen 16, 2019

LowRes | Trump, Gasparri, Twitter e me

Una sentenza in Virginia impedirà ai politici di silenziare il dissenso sui social. Una sentenza che riporta alla luce un vecchio problema: sappiamo usare, davvero, questi strumenti?

Un giudice della Virginia, qualche giorno fa, ha stabilito che bloccare qualcuno che ti critichi sulla tua pagina Facebook, nel caso in cui tu sia un politico, viola il Primo Emendamento della Costituzione americana: quell’articolo, noto e mille volte celebrato, sulla libertà di espressione dei cittadini.

 

Immediatamente sono tornate alla mente alcune analoghe discussioni di qualche tempo fa sul fatto che perfino il presidente Trump utilizzasse il block per allontanare dal proprio profilo Twitter alcuni commentatori a lui sgraditi.

 

Io – nel mio piccolo e per quello che conta – fui bloccato su Twitter molti anni fa (e credo di esserlo ancora) dal senatore Maurizio Gasparri, probabilmente perché una volta ebbi la cattiva idea di provare a spiegargli gentilmente alcuni aspetti tecnici della normativa sul WiFi: legge che, nonostante prenda il suo nome, mi era parso non avesse compreso appieno.

La sentenza in Virginia è una sentenza pericolosa perché mina alle basi uno dei principi fondanti della libertà di espressione in Rete: quello dell’autoregolamentazione dei contenuti in Rete. Ed è contemporaneamente una sentenza ragionevole perché tutela un numero molto ampio di persone che dei meccanismi distribuiti e partecipativi della Internet dei primordi non saprebbero che farsene, visto che non li conoscono e non sanno maneggiarli.

 

Logica vorrebbe che ai cittadini sia garantito libero accesso, eventualmente anche in scrittura, alle pagine istituzionali del Governo, delle amministrazioni e perfino dei movimenti politici, ma che le pagine personali restino nella libera disponibilità di cui le gestisce. Vero è che – come è accaduto in Virginia – spesso il confine fra questi due ambiti si è fatto indistinto e incerto.

 

La tutela di questo discrimine sembra essere allora il vero punto di discussione. Distinguere con maggior chiarezza ambiti pubblici da ambiti privati. Internet dovrebbe essere tutto questo assieme. Accedere liberamente alle risorse pubbliche, essere bloccato su Twitter da Maurizio Gasparri, scrivere che Gasparri ti ha bloccato, scriverlo sul proprio profilo Twitter o da un’altra parte.

E lasciare che gli altri si facciano un’idea.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter