desc

Piazza WiFi Italia, la piattaforma per il wifi pubblico (e gratuito)

Tecnologia
TECH
Edit article
Set prefered

Piazza WiFi Italia, la piattaforma per il wifi pubblico (e gratuito)

Al via il progetto Piazza Wifi Italia del Ministero dello Sviluppo Economico, che punta a connettere i cittadini, gratuitamente e in modo semplice tramite la App dedicata, a una rete wifi libera (e diffusa) su tutto il territorio nazionale. Stanziati 45 milioni di euro. Con priorità ai comuni terremotati

Al via il progetto Piazza Wifi Italia del Ministero dello Sviluppo Economico, che punta a connettere i cittadini, gratuitamente e in modo semplice tramite la App dedicata, a una rete wifi libera (e diffusa) su tutto il territorio nazionale. Stanziati 45 milioni di euro. Con priorità ai comuni terremotati

Tecnologia

Da oggi, i Comuni potranno fare richiesta di punti wifi direttamente online, registrandosi sulla nuova piattaforma web.

Il progetto Piazza Wifi Italia, fortemente voluto dal MiSE, vanta un finanziamento di 45 milioni di euro, sensibilmente superiore rispetto agli 8 milioni stanziati precedentemente, e mira a realizzare aree wifi gratuite in tutti i 7917 comuni italiani.

Hanno la precedenza i 138 paesi colpiti dal terremoto nel 2016 in Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria e i 3407 comuni abitati da meno di 200 persone.
Piazza WiFi Italia, infatti, mira a promuovere l’inclusione sociale, facendo in modo che anche le zone periferiche delle grandi città possano beneficiare di una connessione gratuita in grado di rafforzare il collegamento con le metropoli.

I lavori di sviluppo della rete su tutto il territorio nazionale sono stati già affidati a Infratel Italia, società in-house del MiSE, il 23 gennaio 2019, con la sottoscrizione del Decreto da parte del Ministro Luigi Di Maio.

 

Torricella Sicura, primo Comune

Torricella Sicura, in provincia di Teramo, è il primo Comune in Italia (e il primo delle zone colpite dal sisma del 2016) con un punto wifi attivo nell’ambito di questa iniziativa. I primi interventi stanno coinvolgendo, con un progetto dedicato, tutti i 138 Comuni colpiti dal sisma del 2016 in Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, nei quali sono state già avviate le attività di progettazione d’intesa con le amministrazioni locali.

Anche Anci aderisce a “Piazza WiFi Italia”, promuovendo tra i suoi associati il progetto e le modalità di partecipazione, che si inserisce nel solco delle azioni di sviluppo locale mirate ad invertire la tendenza allo spopolamento dei piccoli Comuni e costituisce un altro tassello per la riduzione del digital divide nei piccoli centri, a favore di cittadini, imprese e turisti.

 

La App per i cittadini

Il cittadino ha il vantaggio di accedere gratis a internet nei luoghi pubblici, tramite l’app WiFi°Italia°it. Un’app unica e con un solo account per usare tutti gli access point. Una volta installata l’App, la connessione sarà automatica in tutti i punti della rete Wifi.Italia.it

Dunque basterà adoperare le stesse credenziali. Sempre.

L’idea di fondo è che il Wi-Fi può aiutare lo sviluppo socio-economico di aree arretrate del Paese. Il progetto è infatti parte del più ampio piano Smarter Italy, pensato per rendere l’Italia un Paese 4.0: che include anche lo svecchiamento delle procedure di acquisto pubblico in materia di tecnologia. Una visione condivisa dall’Europa, che l’anno scorso ha lanciato il progetto WiFI4Eu, per creare una enorme rete Wi-Fi unica in tutti i Paesi, e che vanta un finanziamento di 120 milioni di euro, da utilizzare entro il 2020.

 

“Se Internet è un bene comune, come ha ribadito qualche giorno fa il Presidente del Consiglio Conte, è giusto che i cittadini abbiano in ogni città i punti per collegarsi gratis alla rete con le medesime credenziali”.