«Startup, restate in Italia». Il Ministro Di Maio a Torino alla presentazione del nuovo Fondo Nazionale Innovazione da 2 miliardi - Startupitalia
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 4 marzo 2019 alle 19:30

«Startup, restate in Italia». Il Ministro Di Maio a Torino alla presentazione del nuovo Fondo Nazionale Innovazione da 2 miliardi

«Startup, restate in Italia e portate dall’estero nuovi talenti e progetti». L’appello arriva a margine della presentazione del Fondo Nazionale per l’Innovazione, evento che ha visto il coinvolgimento dei principali fondi di investimenti, business angel, startup dell’ecosistema dell’innovazione italiano, tutti riuniti alle Officine Grandi Riparazioni di Torino

«Oggi ho incontrato una comunità che si fonda prima di tutto sui valori, e poi certamente sulle regole del mercato legate all’innovazione. Vogliamo premiare e incentivare tutto il mondo delle startup innovative a restare in Italia», ha affermato Di Maio in esclusiva a StartupItalia.

«Per me è stata una giornata preziosissima. Questo settore è stato creato da zero, da pochi innovatori definiti oggi come veri e propri “carbonari”. Insieme hanno animato un settore mosso con passione, competenza, volontà. Oggi entro in punta di piedi in questo mondo portando in dote il ruolo delle società partecipate dello Stato, che possono accelerare il processo di sviluppo tecnologico e quindi di investimenti in innovazione.

 

 

 

1 MILIARDO DAL PUBBLICO, FORMAZIONE ESSENZIALE. «Oggi presentiamo il fondo da 2 miliardi di euro per sostenere le startup innovative. Da oggi mettiamo 1 miliardo di euro di fondi pubblici e 1 miliardo di euro che contiamo di raccogliere tra i privati durante quest’anno. Uno degli elementi essenziali è la formazione. Un sistema di formazione continua per tutti nel fare impresa», ha affermato il ministro Di Maio. Precisando che i tempi saranno celeri nella fattibilità del piano. «Tutto ciò di cui abbiamo parlato stamattina è nelle leggi dello stato. Il fondo entro marzo ha finito tutti gli adempimenti».

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter