desc

#SIOS19 Summer Edition | Cicalia, il supermercato online da 10mila prodotti

StartupItalia
STARTUP
Edit article
Set prefered

#SIOS19 Summer Edition | Cicalia, il supermercato online da 10mila prodotti

La startup offre consegna a domicilio in meno di 24 ore. A Firenze sarà tra i protagonisti dello StartupItalia Village

La startup offre consegna a domicilio in meno di 24 ore. A Firenze sarà tra i protagonisti dello StartupItalia Village

StartupItalia

Il SIOS19 Summer Edition di mercoledì 12 giugno è alle porte. In questi giorni vi stiamo raccontando le tante startup che potrete incontrare allo StartupItalia Village della Leopolda. A Firenze parteciperà anche Cicalia, il supermercato online che lo scorso anno ha chiuso un round da 260mila euro su MamaCrowd. Con un catalogo di oltre 10mila prodotti Cicalia si è posizionato come uno dei principali player del settore in grado di consegnare la spesa in meno di 24 ore in gran parte del Paese. Ve la presentiamo anche nella scheda  disponibile sul sito del SIOS19 Summer Edition. Il Co-Founder Davide Rossi ha risposto alle nostre domande.

Leggi anche: 307 milioni di euro investiti in startup nei primi 9 mesi del 2018. È record: tutti i round in una timeline

Quattro domande a Davide Rossi, Co-Founder di Cicalia

Che cosa fa Cicalia?

Cicalia è nata nel 2017 ed è a tutt’oggi il primo supermercato online d’Italia; siamo gli unici, su scala nazionale, a consegnare a domicilio qualsiasi prodotto che comunemente si trova in un supermercato tradizionale, compresi gli alimenti freschi.  Chi oggi in Italia si occupa di spesa a domicilio, se escludiamo Cicalia, ha limiti geografici (consegna solo in alcune città o in corrispondenza dei punti vendita tradizionali), o ha un catalogo limitato, sprovvisto di prodotti alimentari freschi. Pertanto, su una vasta parte del territorio nazionale, Cicalia è l’unica vera alternativa al supermercato tradizionale, in quanto unico player della spesa online. Cicalia ha un catalogo di circa 10.000 articoli, tra cui carne fresca, latticini, frutta e verdura, pane, pasta, dolci, prodotti per la cura della persona e per la pulizia della casa. Le consegne avvengono in 24 ore su gran parte del territorio nazionale e in 48/72 ore per le zone di difficile raggiungimento. Per mantenere la catena del freddo utilizziamo mezzi refrigerati, a garanzia dell’utente e nel rispetto della normativa.

Ora spiegalo in un tweet

Cicalia è la risposta per chi è stanco di perdere centinaia di ore ogni anno all’interno di un supermercato. Con Cicalia fare la spesa non è mai stato così comodo: ordini online oggi e ricevi la spesa domani direttamente a casa tua, senza code in auto, code alla cassa o pesi da trasportare.

Qual è il vostro più grande successo? Quello che vi distingue dagli altri?

Fin dall’inizio della nostra avventura abbiamo capito le potenziali di Cicalia (nato come progetto a budget zero): nel primo anno abbiamo raggiunto i 490k di revenue, nel 2018 abbiamo sfiorato gli 800k e quest’anno puntiamo a raggiungere 1,2 mln. Sono dati molto positivi, frutto anche di una condizione di mercato estremamente favorevole oltre che di un servizio molto apprezzato dagli utenti. E proprio questa soddisfazione ci spinge a proseguire sulla strada del rinnovamento della grande distribuzione organizzata. Rispetto ad altri player della GDO che si occupano di spesa online, abbiamo un modello di business più performante e razionale che ci permette di raggiungere ogni parte d’Italia. Rispetto invece ai player online abbiamo una logistica evoluta, che ci permette di affrontare con velocità e precisione la preparazione di una spesa comprensiva di prodotti (anche freschi) con shelf life, metodi di conservazione e fragilità differenti: tutt’altro che un gioco da ragazzi…

Che cosa ti aspetti dall’esperienza allo StartupItalia Village?

Mi aspetto che sia un’occasione per fare conoscere Cicalia, oltre che per prendere contatto con altre interessanti startup che operano nel mondo del food. Credo che il retail alimentare online sia solo all’inizio della sua evoluzione e che rispetto ad altri settori debba ancora esprimere molto del suo potenziale. Sono occasioni come queste che possono dare la giusta spinta per una piena trasformazione del settore, sulla scia di quanto già accaduto in altri Paesi UE.