LowRes | Facebook Libra: abbiamo una banca? - Startupitalia immagine-preview

Giu 19, 2019

LowRes | Facebook Libra: abbiamo una banca?

La semplicità d'uso giustificherà l'adozione di massa del sistema di pagamento di Zuckerberg. Ma basta questo a decretare un vincitore? Dietro Libra e Calibra ci sono i soliti nomi

Giu 19, 2019

LowRes | Facebook Libra: abbiamo una banca?

La semplicità d'uso giustificherà l'adozione di massa del sistema di pagamento di Zuckerberg. Ma basta questo a decretare un vincitore? Dietro Libra e Calibra ci sono i soliti nomi

Non sono contento che Facebook aggiunga una sua modalità di pagamento a Whatsapp o a Instagram. Diciamo che la mia relazione fiduciaria con l’oligopolio di Mark Zuckerberg, che utilizza quotidianamente i miei dati e quelli di qualche miliardo di altre persone per vendermi merendine e idee politiche, è oggi ai minimi storici. Non sono nemmeno contento che la mia vecchia cara banca mi chieda una commissione di 2 euro e 50 quando prelevo contante da un ATM e 1 euro e 50 ogni volta che faccio un bonifico attraverso il suo homebanking: un sito che – appena rinnovato – sembra scritto da un programmatore HTML negli anni 90.

Diciamo che in un mondo ipotetico e cavalleresco, nel quale i buoni trionfano e indicano la strada, una nuova criptomoneta basata sull’imprescindibile blockchain sarebbe dovuta uscire dal solito garage (un po’ la storia di bitcoin) per trionfare rapidamente nell’utilizzo dei cittadini: spianando i grandi potentati attorno, e non da un consorzio di soliti noti che oltre a Facebook comprende giganti come Visa, Mastercard e Paypal. Diciamo anche che le fiabe stanno bene nei libri di Gianni Rodari e quasi sempre noi siamo soliti sostituire un potere con un altro non troppo dissimile. Magari compiacendoci della grande innovazione e modernità che tutto questo produce.

 

“Ma abbiamo una banca?” chiese anni fa un politico italiano registrato in un’intercettazione che fece storia. “Abbiamo una banca?” si chiederanno nei prossimi mesi milioni di utenti di Whatsapp e Facebook quando la piattaforma offrirà loro un sistema semplicissimo e quasi gratuito per inviare e ricevere soldi e loro istintivamente si domanderanno perché mai continuare ad avere un conto in una costosa banca fatta di impiegati e mattoni e pessimi siti web.

Lo schema tecnologico di Libra e Calibra del resto è il solito. È già accaduto con la musica e con i viaggi, con gli alberghi e con i taxi. Dentro l’economia digitale il valore si sposta vigorosamente verso la piattaforma, l’intermediario vince. La sapienza della piattaforma diventa tutto ciò che apparentemente conta. Ovviamente non è quasi mai così. La piattaforma può creare disastri esattamente come quelli che c’erano prima di lei. Saranno disastri differenti. Disastri di nuovo tipo. Per provare ad evitarli e per stare alla larga dal tecnologo ingordo che aggiunge cose alle sue già moltissime cose, dovremo darci da fare noi. E no, non sarà semplice.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter