The Startup Training: il percorso di accelerazione si fa online immagine-preview
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 3 settembre 2019 alle 7:00

The Startup Training: il percorso di accelerazione si fa online

La quarta edizione avrà la maggior parte delle sessioni su Skype. Cento idee da seguire, una decina di mentor. "Rendiamo campioni i Founder" dice il CEO, Alessandro Cordova

“Il nostro obiettivo è rendere i Founder campioni”: così il CEO Alessandro Cordova lancia la quarta edizione di The Startup Training, percorso di accelerazione rivolto a imprenditori che dispongono di un prototipo, o che magari sono pronti a lanciarlo sul mercato ma ancora senza le forze sufficienti per raccogliere i fondi. Dal 22 novembre al 22 febbraio, tutti i sabati, una decina di mentor di The Startup Training incontreranno piccoli gruppi di imprenditori in 12 sessioni di lezione (soprattutto online). “La maggior parte del percorso l’abbiamo voluto proporre su Skype. Ogni mentor avrà le sue startup da seguire”: l’obiettivo, per un percorso che in tre edizioni si è sempre svolto a Milano, è proprio quello di aprirsi a tutta la platea di startup italiane, anche quelle del Sud che avrebbero maggiori difficoltà negli spostamenti.

Come funziona The Startup Training

Le candidature a The Startup Training sono aperte fino al 30 ottobre sul sito ufficiale: “Ma prenderemo le prime 100 idee che considereremo più interessanti. Quindi le iscrizioni potrebbero chiudersi anche prima della scadenza”. Oltre alla novità delle lezioni online di 4 ore ciascuna – solo 3 incontri fisici: all’inizio, a metà e alla fine del periodo di lezione – Alessandro Cordova e il suo team hanno scelto di ritagliare un percorso più specifico in base alle caratteristiche e ai modelli di business delle varie startup. “Ho voluto che ogni mentor seguisse non più di 10 startup. Questo perché non tutte hanno le stesse necessità. Non acceleriamo solo chi è all’inizio, ma anche le realtà già lanciate”.

Come nelle scorse edizioni la partecipazione è gratuita. “Sottoponiamo un contratto alle startup nel quale semplicemente chiediamo una percentuale di equity – spiega il CEO – Avranno il documento il primo giorno e potranno accettare o meno entro la terza sessione”. Il percorso di The Startup Training terminerà il 7 marzo con il Demo Day a Milano. In quella data le startup presenteranno le proprie idee di business a investitori e altri acceleratori di impresa: “Puntiamo a metterli di fronte a un’ecosistema che sia il più vario possibile”.

Leggi anche: Nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino si inaugura l’Innovation Hub

Le tappe del percorso

Quattro in tutto le tappe del percorso. La prima tocca analisi e ottimizzazione del modello di business: “Ci sono tante startup dove il problema è l’assenza di scalabilità” spiega Cordova; go to market strategy è la fase successiva in cui l’azienda deve avere chiara la propria identità e capire come andare sul mercato (“Parliamo, ad esempio, di come impostare campagne sui social”); la traction è la penultima tappa in cui è necessario raccogliere metriche, stabilire obiettivi, studiare il percorso di crescita; infine, prima del Demo day, The Startup Training lavorerà con gli imprenditori per preparare i contenuti e la presentazione del pitch da esporre. “Saremo a disposizione anche per stilare un financial plan che faccia capire di quanti soldi avrà bisogno la startup nei 12 mesi successivi”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter