Freeda Media chiude un round da 16 milioni di dollari
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 11 settembre 2019 alle 16:46

Freeda chiude un round da 16 milioni di dollari

Non è un sito, ma uno dei profili social di maggior successo in Italia. I contenuti? Donne, inclusione e diversità

Freeda Media, la startup italiana che racconta storie di donne e inclusione, ha chiuso un round di serie B da 16 milioni di dollari. A guidare l’aumento di capitale è Alven insieme anche a Unicredit ed Endeavor Catalyst. Online in Italia, Spagna e Sud America, non è un sito, ma vive (e anche molto bene visto il successo di follower) sui social, dove pubblica contenuti che raggiungono ogni giorno 5 milioni di donne. Su Instagram è il primo media brand con un pubblico femminile: 100 milioni di interazioni nel 2019, più dei profili di Vogue e Vanity Fair.

Freeda: il futuro è il mondo

Con questo nuovo round Freeda Media vuole espandere il proprio raggio d’azione aumentando il pubblico e focalizzandosi sui branded content. L’azienda ha finora 160 dipendenti e ha aperto una nuova sede anche a Londra, da dove vuole proiettarsi sul mercato UK e nei mercati dove l’inglese è una delle lingue di riferimento. Tra le top ten di SIOS18, Freeda ha trovato il suo pubblico anche grazie a un’indagine di mercato secondo cui i media tradizionali, stampa cartacea su tutte, non riescono a intercettare l’attenzione delle nuove generazione e delle ragazze soprattutto.

Secondo i dati più aggiornati, sui social i suoi contenuti vengono visti, ogni mese, dall’80% delle donne italiane e spagnole tra i 18 e i 34 anni. Oltre alla crescita su nuovi mercati per venire incontro a un pubblico femminile (e non solo) in cerca di storie di inclusione, donne e diversità, nel 2020 un’altra novità saranno i prodotti a marchio Freeda.

Leggi anche: Freeda tra le top 10 di #SIOS18. Il podcast con Alberto Scotti

Fondata nel 2016 la startup aveva chiuso lo scorso anno un altro aumento di capitale da 10 milioni di dollari. «Freeda – ha spiegato l’editor in chief Daria Bernardoni – è la voce di una nuova generazione di donne, quelle che per la prima volta nella storia hanno raggiunto la loro piena e totale autonomia. I loro valori, sono i valori di Freeda: la realizzazione femminile, intesa come libertà di decidere qual è il proprio obiettivo nella vita e di raggiungerlo».

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter