Coronavirus, anche Luxottica chiude tutti gli stabilimenti - Startupitalia

Ultimo aggiornamento il 22 marzo 2020 alle 18:24

Coronavirus, anche Luxottica chiude tutti gli stabilimenti

Tra gli ultimi colossi italiani rimasti aperti, ha ora comunicato la sospensione di tutte le attività italiane del Gruppo "fino a nuova comunicazione"

Si allunga la lista dei giganti italiani costretti a sospendere la propria attività per motivi di sicurezza legati al dilagare dell’epidemia di Coronavirus. L’ultimo è Luxottica che ha diversi impianti produttivi proprio nel martoriatissimo Nord Est.

Leggi anche: Coronavirus | Spunta la bozza del decreto. Le imprese che resteranno aperte

La decisione di Luxottica

Si apprende dalle agenzie che Luxottica ha comunicato la sospensione di tutte le attività italiane del Gruppo “fino a nuova comunicazione”. La decisione, resa nota alle organizzazioni sindacali, interessa gli stabilimenti di Agordo, Sedico e Cencenighe (Belluno), Rovereto (Trento), Pederobba (Treviso), Lauriano (Torino), Silvi Marina (Teramo) e Città Sant’Angelo (Pescara).

Lo stabilimento di Agordo, già chiuso in precedenza per motivi di sicurezza sanitaria sempre legati al Covid-19, era stato riaperto soltanto tre giorni fa. L’azienda sta verificando la possibilità di proseguire alcune attività essenziali come la logistica e il laboratorio lenti di Sedico, in conformità con le disposizioni governative. Garantirà inoltre continuità alle funzioni centrali critiche per la gestione del Gruppo e il coordinamento delle attività a livello globale.

Leggi anche: Coronavirus, nuova stretta di Conte: “Chiuse tutte le attività non strategiche”

Nel pomeriggio, il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, aveva così commentato l’ultimo Dpcm annunciato ieri dal presidente del Giuseppe Conte via Facebook: «Fermare le fabbriche e tutte le attività produttive non essenziali – ha detto – è una scelta difficile, dolorosa, ma coraggiosa e necessaria per bloccare l’avanzata del virus. Siamo coscienti delle conseguenti complicazioni economiche e della necessità di sostenere imprese e lavoratori e lo faremo, ma per salvare l’economia dobbiamo sconfiggere il virus. Al tempo stesso non bisogna far venire meno al Paese pezzi importanti di produzione e servizi, tanto più in un momento così delicato. Solo una strada condivisa tra tutti ci aiuterà. Per questo è fondamentale che governo e opposizione continuino a fare la loro parte, che le parti sociali continuino a essere costantemente coinvolte. Distanti ma uniti deve valere anche, e ancor di più, a livello politico».

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter