L'insuretech alla cassa: in Giappone assicurazione sulla vita al "super"

Ultimo aggiornamento il 9 giugno 2020 alle 10:12

L’insuretech alla cassa: in Giappone l’assicurazione sulla vita si fa al “super”

7-Eleven e MS&AD Insurance Group Holdings hanno stretto l'accordo: al touch screen si sceglie la polizza

La catena 7-Eleven, che in Giappone ha 20mila punti vendita, ha stretto una collaborazione con MS&AD Insurance Group Holdings per offrire alla clientela qualsiasi tipo di polizza, anche assicurazioni sulla vita. La ragione principale di questo accordo è che i supermercati 7-Eleven hanno a disposizione diverse casse automatiche che evitano alla compagnia assicurativa il rischio del contatto umano. L’emergenza coronavirus ha investito anche il paese del Sol Levante, ma il governo di Shinzo Abe non ha mai applicato un vero e proprio lockdown – chiusura di tutte le attività non necessarie, come accaduto in Italia e in Occidente – preferendo dar fiducia ai giapponesi. Il 60% dei lavoratori non avrebbe mai smesso di lavorare negli ultimi mesi.

Leggi anche: Covid-19, il Giappone: 2 maschere a famiglia. Scoppia l’ironia social

Giappone: idee di ripartenza

L’accordo con 7-Eleven permetterebbe, secondo la stampa asiatica, a MS&AD Insurance Group di concludere 60mila nuove polizze, principalmente per persone anziane. La tecnologia delle casse automatiche con touch screen non è delle più innovative, ma ha aperto una nuova linea di business per la compagnia assicurativa che, ha garantito, continuerà ad assistere la clientela 24 ore su 24 attraverso un numero telefonico sempre attivo. Al momento non si sa se la catena 7-Eleven, attiva anche in altre parti del mondo, abbia intenzione o meno di replicare accordi simili.

Leggi anche: S&P: il coronavirus costerà all’Asia 620 miliardi di dollari

© Kyoko Iwaki - Twitter

Nei prossimi mesi il Giappone farà i conti con la recessione globale, la peggiore dal secondo dopoguerra. Terza economia al mondo, il paese guidato da Shinzo Abe non sa ancora quando ci sarà il rimbalzo. «Non siamo ancora in una fase in cui vogliamo stimolare i consumi e incoraggiare le persone a viaggiare molto. Gli sforzi per stimolare i consumi dovrebbero aspettare ancora un po’», ha detto il ministro dell’Economia Yasutoshi Nishimura.

Leggi anche: Coronavirus, da Tokyo 35 euro alle P.Iva per ogni giorno perso

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter