Recovery Fund, Michel: "La magia dell'Europa funziona" - Startupitalia
single.php

Ultimo aggiornamento il 21 luglio 2020 alle 11:10

Recovery Fund, Michel: “La magia dell’Europa funziona”

Ma Macron ammette: "Sono emerse visioni contrastanti del progetto comunitario". E Ursula von der Leyen si dispiace per i tagli apportati al Next Generation Eu

Da un lato c’è l’entusiasmo del belga Charles Michel, cui è toccato presiedere il Consiglio europeo più difficile e lungo della storia dell’Unione europea. “La magia dell’Europa funziona”, ripete sorridendo, con il volto segnato dalle molteplici maratone notturne, l’ex Primo ministro. – “L’abbiamo fatto. Ci siamo riusciti. Il Recovery Fund c’è. L’Europa è solida, è unita. È stato difficile”, aggiunge Michel.

Leggi anche: Next Generation Eu, trovato l’accordo all’alba. Ecco quanto andrà all’Italia

Ma dall’altro c’è il realismo di chi, come il presidente francese Emmanuel Macron, ha evidenziato le “conclusioni storiche” di un “vertice difficile” in cui sono emerse”visioni diverse dell’Europa”. Come a dire che la spaccatura c’è e non si risanerà tanto facilmente. Anche Ursula von der Leyen, numero 1 della Commissione europea, si dispiace per i tagli disposti al suo Next Generation Eu pur di arrivare a una soluzione di compromesso, salvo poi ammettere che “l’Europa ha ora la possibilità di uscire più forte dalla crisi”. Parla di “buon segnale” all’Europa la Cancelliera tedesca, Angela Merkel.

 

Gentiloni: “Recovery Fund decisione più importante dall’euro”

Parla di risultato storico il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni: “Il Next Generation EU (vale a dire il Recovery Fund) – twitta – è la più importante decisione economica dall’introduzione dell’euro. Per la Commissione, che ha proposto il piano, comincia la sfida più difficile. Oggi 21 luglio l’Europa è più forte delle proprie divisioni”.

David Sassoli

Ora la palla passa al Parlamento europeo

Ora la decisione di promuovere o meno il Recovery Fund va (finalmente, potremmo dire, visto che è la sola istituzione democraticamente eletta per via diretta dell’Unione europea) al Parlamento europeo, titolare in tema di bilancio comunitario. Ma l’entusiasmo con cui viene salutato dal suo presidente, l’italiano David Sassoli, anticipa già il sentimento dell’istituzione collegiale che del resto aveva chiesto al Consiglio dei Ventisette capi di Stato e di Governo una decisione coraggiosa, all’altezza della sfida: “Accordo senza precedenti fra governi per risollevare l’economia europea. Adesso al lavoro per migliorare gli strumenti, senza rinunciare a un QFP più ambizioso e a certezze su risorse proprie. L’Europarlamento lavorerà nell’interesse dei cittadini europei” ha twittato, salutando il Recovery Fund licenziato dal Consiglio all’alba.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter