Il lockdown? Per la Corte Superiore di Giustizia di Madrid è incostituzionale
single.php

Ultimo aggiornamento il 8 ottobre 2020 alle 15:21

Il lockdown? Per la Corte Superiore di Giustizia di Madrid è incostituzionale

Secondo uno studio realizzato in Gran Bretagna il Covid ha ucciso 3 volte più di influenza e polmonite

Il Paese europeo più colpito dal Covid-19 rischia di finire intrappolato nelle insidiose e vischiose pastoie giuridiche. Abbiamo ancora tutti ben chiare nella mente le immagini degli ammalati spagnoli ammassati per terra nelle corsie e dei morti di Coronavirus depositati nel palazzo del ghiaccio di Madrid, ma a quanto pare questo non basta a mitigare la zelante interpretazione del diritto da parte della Corte Superiore di Giustizia, secondo cui il “lockdown imposto dal governo ai cittadini della capitale lede i diritti fondamentali”.

Cosa ha detto la Corte Superiore di Giustizia di Madrid

Secondo i magistrati della Corte Superiore di Giustizia di Madrid le misure di contenimento del Coronavirus imposte dal governo centrale alla capitale e ad altre nove città della provincia non sono legali e quindi dovranno essere disapplicate in quanto il lockdown parziale lede “i diritti e le libertà fondamentali”. Lo riporta la stampa spagnola. Il ministero della Sanità spagnolo aveva imposto misure più severe di quelle disposte dalla municipalità di Madrid nell’intento di contenere i contagi da Covid-19, a fronte di un tasso di contagi più che triplo rispetto al resto del Paese.

Il lockdown parziale di Madrid, entrato in vigore lo scorso venerdì sera per circa quattro milioni e mezzo di abitanti, non obbligava di rimanere in casa ma limitava comunque la libertà di movimento impedendo di uscire dal proprio Comune di residenza se non per motivi di lavoro, studio o salute. Contro le nuove misure erano scesi in piazza centinaia di spagnoli, guidati dalla presidente della Comunità di Madrid, Isabel Diaz Ayuso, che aveva denunciato l’abuso del governo centrale su temi che spetterebbero al più alle comunità locali e aveva fatto ricorso al tribunale.

Gran Bretagna: Covid ha ucciso 3 volte di più dell’influenza

Intanto, da Oltremanica arrivano le risultanze di uno studio che testimoniano la pericolosità del Coronavirus. Secondo l’Ufficio per le statistiche nazionali (Ons) nel Regno Unito ci sono stati 48.168 decessi dovuti al Covid, 13.619 a causa della polmonite e 394 decessi a causa dell’influenza in Inghilterra e Galles tra gennaio e agosto. “Dal 1959, che è quando sono iniziate le registrazioni mensili dei decessi, il numero di quelli dovuti a influenza e polmonite nei primi otto mesi di ogni anno sono stati inferiori al numero di decessi per Covid registrati finora nel 2020”, ha detto Sarah Caul, responsabile dell’analisi della mortalità presso l’Ons.

Nelle case di cura, particolarmente colpite dalla pandemia, la percentuale di decessi dovuti al Covid-19 è stata quasi il doppio di quelli causati da influenza e polmonite. Il tasso di mortalità per Covid è anche “significativamente più alto” dei tassi di influenza e polmonite sia per quest’anno che per la media quinquennale.

Leggi anche: Nuovo Dpcm, quando è obbligatoria la mascherina in strada e in ufficio?

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter