C'è un giudice a Berlino per gli amanti della movida: annulla il coprifuoco
single.php

Ultimo aggiornamento il 16 ottobre 2020 alle 12:02

Covid | C’è un giudice a Berlino per gli amanti della movida: annulla il coprifuoco

Intanto, tra poche ore, Palazzo Chigi potrebbe imporre una nuova stretta

Stando al sito del quotidiano tedesco Der Tagesspiegel, un giudice amministrativo di Berlino ha annullato il coprifuoco imposto dalle 23 in poi e che interessava birrerie e pub. La decisione choc arriva in un momento drammatico per tutta l’Europa: le cancellerie e i governi del vecchio continente sono al lavoro per contrastare la seconda ondata. Tra le soluzioni sul tavolo ci sono i mini lockdown e le chiusure anticipate dei negozi, oltre a una drastica limitazione alla movida. Di coprifuoco si sta ragionando anche in Italia e, nelle prossime ore, Palazzo Chigi potrebbe pubblicare un nuovo documento per imporre la stretta a commercio e non solo. Nel frattempo l’ultimo dpcm ha già proibito gli assembramenti fuori dai locali.

Leggi anche: Covid | Milano, è il giorno della stretta. Verso coprifuoco o mini lockdown?

Berlino: salve le birrerie…

La notizia che viene da Berlino è stata riportata su Twitter dalla giornalista di Repubblica, Tonia Mastrobuoni, che riporta uno scenario tutt’altro che isolato. Nella capitale tedesca giovedì sono stati superati i 500 contagi. In Germania sarebbero intanto diversi i casi in cui i giudici hanno annullato i divieti regionali imposti per limitare gli assembramenti e reagire di fronte alla seconda ondata. La situazione è grave soprattutto perché gli esperti avvertono: l’Europa ha di fronte una corsa contro il tempo per evitare un nuovo lockdown e un autunno ancor più drammatico del previsto.

Leggi anche: Lockdown | coprifuoco, didattica a distanza: le ipotesi della stretta

Al momento non ci sono spiegazioni alla decisione di annullare il coprifuoco a Berlino. La situazione in corso suggerisce però un drammatico scontro tra i poteri dello Stato in un contesto di confusione generale. I cittadini temono una nuova chiusura, gli esercenti navigano a vista e gli esperti avvertono la politica sui possibili rischi che tutti stiamo correndo.

Leggi anche: Scala, annullata per Covid la presentazione della stagione 2020/2021

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter