Qapla' chiude un aumento di capitale da 950mila euro
single.php

Ultimo aggiornamento il 10 novembre 2020 alle 14:39

Qapla’ chiude un aumento di capitale da 950mila euro

Il round, guidato da Italian Angels for Growth, in collaborazione con la piattaforma Doorway, CDP Venture Capital e altri angel network e soci, servirà all’azienda per consolidare il mercato italiano e spagnolo e preparare l’espansione in Europa

Un importante finanziamento, pari a un totale di 950mila euro, quello ottenuto da Qapla’. La PMI innovativa, incubata dall’acceleratore fiorentino Nana Bianca, offre un sistema integrato che permette di gestire contemporaneamente, oltre al tracking delle spedizioni, attività di customer care e di marketing automation. A guidare l’aumento di capitale è stato Track2Marketing, la società veicolo nella quale confluiscono i soci di Italian Angels for Growth, Doorway e Moffulabs. Oltre alla partecipazione di CDP Venture Capital SGR e altri soci Qaplà, fra cui Club Acceleratori e altri entrati con il precedente crowdfunding di Mamacrowd.

Cos’è Qapla’

Startup fondata a ottobre del 2014 da Luca Cassia e Roberto Fumarola e accelerata dall’incubatore toscano Nana Bianca, Qapla’ è ormai entrata a piena regola nel novero delle PMI innovative. L’azienda offre un sistema integrato della gestione di corrieri, in grado di coordinare al contempo, oltre al tracking delle spedizioni, attività di customer care e marketing automation. Un servizio completo, che inizia dalla stampa dell’etichetta e termina alla notifica di consegna. Grazie a un monitoraggio continuo, Qapla’ riesce a garantire al customer care il controllo di tutti i corrieri utilizzati. Segnalando in modo efficace e preciso i dettagli della consegna, mediante un sistema di notifica via SMS o mail.

Leggi anche:
Round da 1,2 milioni di euro per White Libra la startup dei servizi digitali per il lavoro

E proprio attraverso le mail, l’azienda ha creato un nuovo, efficace modo di fare marketing. “Una nostra peculiarità”, osserva a tal proposito Fumarola a StartupItalia, “è l’utilizzo delle comunicazioni relative alle consegne, ossia mail e tracking page, come strumenti di marketing, creando un canale di comunicazione totalmente nuovo e personalizzabile”.

 

Pensato come un modello di business SAASsoftware as a serviceB2B, il target principale di Qapla’ sono le realtà e-commerce B2C. I clienti dell’azienda spendono dei crediti differenti a seconda del servizio prescelto. Il pacchetto dei crediti risultante, in base al volume di spedizioni gestite, può essere prepagato o pagato a consuntivo a cadenza mensile.

Leggi anche:
Rider, Just Eat si smarca e promette assunzioni

Spedizioni, che a oggi, sul circuito Qapla’, hanno superato quota un milione al mese. “Ci aspettiamo per novembre di toccare oltre un milione e mezzo di spedizioni mensili. Una cifra che testimonia l’efficacia dei servizi dell’azienda, dei quali usufruiscono molte imprese e compagnie di punta”, osserva Fumarola. “Fra questi, da Luisa Via Roma, a Moschino, Kiko, Pupa e Brosway, fino ad Amicafarmacia ed ePrice. Nel settore enologico, Tannico e Vino75, mentre in quello dei prodotti per animali, Arcaplanet e Bauzaar”.

Il nuovo round e le novità ai vertici

“L’aumento di capitale”, dichiara Roberto Fumarola, “ha come obiettivo principale di consolidare la posizione del mercato in Italia e in Spagna, dove siamo già presenti. Effettueremo poi investimenti tecnologici, anche a livello di sviluppo, e incrementeremo il numero di risorse nel customer care e sotto il lato commerciale. Il round ci aiuterà infatti ad aumentare il budget marketing”. Inoltre, evidenzia il CEO dell’azienda, “il finanziamento ci servirà per prepararci a compiere il definitivo salto verso l’internazionalizzazione, attraverso un prossimo round di serie A, molto più alto rispetto all’attuale, tra 12/18 mesi”. I nuovi mercati al centro dei progetti di Qapla’ sono infatti quello francese, tedesco e britannico.

Leggi anche:
Un glossario che aiuta a orientarci tra le parole. Persona e Abilità

Per favorire la svolta internazionale e far fronte alla continua crescita del business e-commerce gestito, i cofondatori hanno deciso di raddoppiare il personale aziendale, passato in pochi mesi da nove a quasi venti persone, e rafforzare il team al comando dell’azienda. Le nomine di punta hanno riguardato il nuovo COO di Qapla’, Ludovica Cantarelli, ex responsabile del customer care di Luisa Via Roma, e il CFO, Giuseppe Arturo. “Al momento siamo alla ricerca del prossimo Chief Sales Officer”, dice Roberto Fumarola. “Ruolo per il quale contiamo di scegliere la persona giusta entro i primi mesi del prossimo anno”.

I servizi di Qapla’ durante la pandemia

Lo scorso aprile, con l’Italia in lockdown, l’e-commerce ha fatto registrare un aumento vertiginoso anche nel nostro Paese. “In quel mese, le nostre spedizioni e quelle del nostro partner, GLS, sono arrivate a essere oltre due milioni”, commenta il CEO di Qapla’. E proprio nel periodo del primo lockdown nazionale, l’azienda di Luca Cassia e Roberto Fumarola, ha pubblicato, sulla sezione blog del sito aziendale, un’analisi dati per fotografare la situazione del commercio online e delle problematiche relative alla logistica durante il Covid-19.La ricerca ha evidenziato aspetti importanti per i clienti, dall’aumento generale e per settori delle spedizioni, all’indicazione del miglior corriere da utilizzare per effettuare una determinata consegna, in tempi di diffuse restrizioni alla circolazione. Fino ai giorni di picco degli acquisti durante la settimana.

© Foto: Pexels.com

A seguito del peggioramento della pandemia, Qapla’ nei prossimi giorni riattiverà il servizio di analisi e pubblicazione di dati relativi all’e-commerce. “Stiamo ricominciando a monitorare la situazione e fra qualche giorno ritorneremo a pubblicare i primi risultati”, afferma Fumarola. “I volumi delle spedizioni stanno iniziando ad aumentare di nuovo. Questo è dovuto anche all’avvicinarsi del periodo natalizio. Tuttavia, l’incremento degli acquisti online deriva in buona parte dai primi effetti delle nuove misure restrittive. Vista la situazione, destinata a non migliorare a breve, ci aspettiamo per diversi settori picchi ben superiori a quelli stagionali solitamente osservati”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche