Qualunque cosa sia, è bellissima. La campagna di Lego un omaggio alle bambine (future leader) - Startupitalia
single.php

Ultimo aggiornamento il 8 Marzo 2021 alle 12:03

Qualunque cosa sia, è bellissima. La campagna di Lego un omaggio alle bambine (future leader)

Nella Giornata Internazionale del Donne, il Gruppo Lego vuole incoraggiare e sostenere le bambine a diventare punti di riferimento, modelli da imitare e artefici di un cambiamento del (loro) futuro, qualunque siano le loro passioni e aspirazioni di carriera

“Qualunque cosa sia è bellissima”, inizia con questa frase il progetto che Lego Group dedica alla giornata internazionale delle donne dell’8 marzo 2021 per celebrare le abilità, gli interessi e il potenziale creativo della prossima generazione di leader femminili.

In occasione del quarantesimo anniversario della pubblicità “What it is beautiful“, il Gruppo LEGO lancia la campagna per sostenere la Giornata internazionale della donna:  progettata per incoraggiare e sostenere le giovani donne di oggi nel loro viaggio per diventare punti di riferimento, modelli da imitare e artefici del cambiamento del futuro, qualunque siano i loro interessi, passioni o aspirazioni professionali.

La Campagna degli anni ’80, la creatività al centro

Visitando il sito LEGO  oltre a trovare una serie di occasioni di ispirazione, è possibile inviare una foto della bambina con in mano la sua creazione LEGO realizzata, insieme ad alcune parole che descrivono il suo approccio creativo. Lego darà vita ad un poster unico, nello stile dell’iconica pubblicità degli anni ’80, che verrà quindi rispedito via e-mail, pronto per essere mostrato o condiviso con orgoglio utilizzando l’hashtag  #LEGOFutureBuilders.

“All’interno di LEGO, crediamo che i bambini siano i nostri modelli. Cerchiamo di fornire loro ispirazione ogni giorno, vogliamo aiutarli ad abbattere gli stereotipi di genere e creare opportunità per tutti. Celebrare le persone aiuta a responsabilizzare le person stesse e attraverso questa campagna, vogliamo evidenziare le capacità e il potenziale creativo delle giovani donne di oggi, la prossima generazione di incredibili leader di domani”, Ha commentato Julia Goldin, Global Chief Product and Marketing Officer del LEGO Group.

Incoraggiare le bambine a ottenere qualunque cosa abbiano messo nei loro cuori

I risultati dell’ultima ricerca LEGO Play Well Study mostrano che il 73% dei genitori crede che le differenze di genere siano guidate più dalle aspettative della società che dalla biologia. Molti bambini cercano di sfidare positivamente gli stereotipi di genere nella società, e il Gruppo LEGO si impegna a sostenerli e a creare una forza lavoro sempre più inclusiva e diversificata, che sia all’altezza dei loro ideali e aspettative. Oltre ad aver introdotto di recente alcune iniziative per un posto di lavoro responsabile, il Gruppo LEGO ha sottoscritto i Principi di Empowerment delle Nazioni Unite, per guidare il modo in cui si può migliorare l’empowerment di donne e ragazze, accelerare l’uguaglianza di genere e incoraggiare maggiormente le giovani donne a realizzare i loro obiettivi, così da dare ancora di più un significativo contributo alla Giornata internazionale della donna.

L’iniziativa assume quindi il carattere di una chiamata all’azione per tutte quelle famiglie che possono usare la celebre campagna del 1981, per attualizzarne il messaggio e rispondere concretamente ai risultati della ricerca Lego.

Il potere della creatività

Il potere della creatività è tutto. Celebrare le abilità, gli interessi e il potenziale creativo della prossima generazione di leader femminili è importante – anche – in questa giornata  per accelerare l’uguaglianza di genere e incoraggiare maggiormente le giovani donne a realizzare i loro obiettivi.

Questa stessa pubblicità del 1981 fu oggetto di una campagna mediatica nel 2014, quando venne rintracciata la bimba protagonista della pubblicità: Rachel Giordano, all’epoca (nel 2014) 37enne dottoressa in medicina naturopatica che operava e tutt’ora opera a Seattle.

Colei che riuscì a rintracciare la bimba che nel 1981 mostrava orgogliosa all’obiettivo la propria creazione in mattoncini fu la psicologa dell’educazione e scrittrice statunitense Lori Day, autrice del libro “Her Next Chapter“, un libro che può aiutare i genitori a parlare con le proprie bambine di temi quali gli stereotipi, il sessismo e il bullismo per una emancipazione del ruolo delle donne nel mondo, che ricordiamolo – ancora una volta – nasce e si sviluppa attraverso i comportamenti e gli esempi in famiglia.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche