Il covid non ferma le startup: nel 2020 ben 780,5 milioni e 306 round - Startupitalia
single.php

Ultimo aggiornamento il 29 Aprile 2021 alle 6:50

Il covid non ferma le startup: nel 2020 ben 780,5 milioni e 306 round

Nel 2019 gli stessi operatori avevano investito in startup 605 milioni per 244 operazioni

Sarà anche stato un annus horribilis per l’economia mondiale ma, benché ancora molto piccolo, nel 2020 il comparto startup in Italia ha dimostrato di tenere botta ed è persino riuscito a crescere.

Il 2020 delle startup italiane in numeri

Il Report P101 SGR dimostra infatti come il 2020 per le startup sia stato piuttosto movimentato, con operazioni per 780,5 milioni e un totale di 306 aumenti di capitale. Lo studio tiene conto di tutti gli investimenti condotti da parte di fondi di Venture Capital, holding di investimento, Corporate Venture Capital, business angel e crowd delle piattaforme di equity crowdfunding, ma anche da investitori non tradizionali, come fondi di Venture Debt e altri finanziatori, banche incluse. Nel 2019 gli stessi operatori avevano investito 605 milioni in 244 operazioni.

detrazione del 50% startup

Come già illustrato dal Venture Capital Barometer 2020 realizzato da EY in collaborazione con VC Hub Italia, il settore che ha attratto più investimenti resta il fintech, che da solo ha raccolto oltre il 30% del totale arrivando a 244 milioni e 32 operazioni dedicate alle startup in questo settore. Come d’uopo in un anno di pandemia anche il settore farmaceutico-biotech ha vissuto uno sprint, in Italia come in Europa e ha visto le startup in questo settore raccogliere oltre 120 milioni di euro (15,5% del totale) in 56 round.

Investimenti di Corporate Venture Capital nel 2020

 

Società Data ultimo round Settore Dimensione round CVC che hanno preso parte
Satispay Novembre 2020 Fintech € 68

(€ 93 lordi)

TIM Ventures
Progetto Banca Idea Spa Giugno 2020 Fintech € 45 Banca Agricola Popolare di Ragusa Scarl, Banca Ifis, Banca Sella Holding, Close to Media Srl, Generali Assicurazioni, Istituto Atesino di Sviluppo Spa (ISA)
Netflix della cultura italiana Dicembre 2020 Media & entertainment € 28 Chili
Milkman Spa Maggio 2020 Shipping, trasporti, logistica € 25 Poste Italiane Spa
InnovHeart Agosto 2020 Farmaceutico & medicale € 20 Genextra
Genespire Aprile 2020 Biotech € 16 Fondazione Telethon, Ospedale San Raffaele
Conio Dicembre 2020 Fintech $ 14 Banca Generali, Poste Italiane, Banca Finint, Fabrick
Termo Dicembre 2020 Energia & Utility € 8,5 Supernova Hub, Mercurio Holding (Gruppo Proximity Capital), RTI
Tinaba Novembre 2020 Fintech € 6 Banca Profilo
Sardex Luglio 2020 Fintech € 5,8 Fondazione Sardegna, Nice Group
BrandOn Settembre 2020 Internet &

e-commerce

€ 5 Vulcano Srl, Sella Venture, Sinergenis Srl, Ecilog Srl
InVRsion Srl Aprile 2020 Software & ICT € 3 FocusFuturo Srl
iotty Ottobre 2020 Elettronica € 3 Intesa Sanpaolo
Yolo Luglio 2020 Fintech € 3 Neva Finventures, Intesa Sanpaolo Vita, Banca di Piacenza, CRIF
Bella&Bona Gennaio 2020 Internet &

e-commerce

$ 3 Rovagnati Spa

Fonte: Elaborazioni su dati pubblici BeBeez

Il primo report sul venture capital di P101 SGR aveva individuato già nel 2017 il trend del foodtech (e-commerce e consegna a domicilio di cibi freschi direttamente dai produttori) che è rimasto ambito “caldo” spinto dall’emergenza Covid-19: con oltre 88 milioni di euro raccolti (11,3% del totale) e 44 round. La tendenza continua anche nel 2021: a gennaio 2021 Cortilia, la scaleup foodtech ha infatti incassato 34 milioni di euro di investimento, erogati dal family office Red Circle Investments di Renzo Rosso insieme ai fondi e i precedenti investitori della scaleup, cioè Indaco Ventures, Five Seasons Ventures, Primomiglio SGR e P101 SGR.

Leggi anche: Un’italiana tra le startup selezionate dall’acceleratore LightSpeed

Ripercorrendo le principali novità del 2020 delle startup italiane, soprattutto in ambito open innovation: Poste Italiane a maggio 2020 ha investito in Milkman, scale-up specializzata nell’ingegnerizzazione del last mile delivery, Campari nel mese successivo ha acquisito il 49% di Tannico (vendita di vino online) Genextra in agosto ha finanziato la startup Innovheart (transcateteri della valvola mitrale) Intesa San Paolo nell’ottobre 2020 ha partecipato all’investimento nell’azienda di domotica design iotty fino a Banca Generali che nel mese di novembre è entrata nel capitale della fintech Conio. “Una tendenza destinata a consolidarsi – rilevano gli autori del report – e a crescere e la cui potenza di fuoco, non ancora stimata (il Corporate VC partecipa solitamente a round con più player senza rendere noti i propri ticket, che possono essere calcolati quindi solo da analisi di bilancio nell’anno successivo al deal), potrebbe imprimere ritmi di crescita al settore mai visti prima e rendere più dinamico il finora statico scenario delle exit”.

Allargando lo zoom, sono stati quasi 300 i miliardi di dollari investiti dal Venture Capital nel 2020 a livello mondiale (secondo solo al 2018 che aveva toccato quota 322 miliardi) e 391 miliardi il valore dei disinvestimenti negli stessi 12 mesi (maggiori degli investimenti e oltre il doppio rispetto al precedente valore record – 179 miliardi – del 2018). Un dinamismo che ha portato circa 2.500 fondi, in tutto il mondo, ad esaurire le riserve ed essere attualmente in raccolta con un target di oltre 200 miliardi di dollari e verosimilmente poca difficoltà a trovarli. “Il 2020 – spiegano gli analisti che hanno curato il report – ha riconfermato, per il decimo anno consecutivo, il Venture Capital come strategia di investimento alternativa più performante, con un IRR mediano netto del 18% da parte dei fondi vintage 2017”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche