desc

Green Pass, la Polizia avverte: rischio truffa su WhatsApp

Cybersecurity
TECH
Edit article
Set prefered

Green Pass, la Polizia avverte: rischio truffa su WhatsApp

Le autorità invitano tutti gli utenti alla massima prudenza

Le autorità invitano tutti gli utenti alla massima prudenza

Cybersecurity

Mentre il Governo ancora sta valutando come e se rimodulare il Green Pass – il certificato verde che, ad oggi, si può ottenere anche dopo la prima dose di vaccinazione anti Covid – la Polizia avverte gli utenti del web di una truffa in corso sull’app di messaggistica più famosa di tutte, WhatsApp. «Negli ultimi giorni – si legge sul sito ufficiale – numerosi utenti stanno segnalando la ricezione tramite whatsapp del seguente messaggio : “ In questo link puoi scaricare il certificato verde Green Pass COVID-19 che ti permette liberamente di muoverti in tutta Italia senza mascherina”». Le autorità invitano le persone alla massima prudenza, soprattutto perché, una volta cliccato il link, l’utente atterra su un pagina che potrebbe apparire come istituzionale, se non che, tra le varie richieste, ci sarebbe anche quella di inserire i dati bancari.

Leggi anche: Green Pass, si può avere con una sola dose di vaccino?

turismo pass

Green Pass, è truffa se…

«La Polizia Postale raccomanda sempre di fare molta attenzione ai link indicati nei messaggi e di aprirli solo dopo averne accertato la veridicità della fonte di provenienza. Non inserire mai i propri dati personali, soprattutto quelli bancari. Eventuali messaggi sospetti potranno essere segnalati sul portale della Polizia Postale www.commissariatodips.it». Come vi abbiamo spiegato nelle scorse ore esistono soltanto i canali ufficiali per richiedere il Green Pass. Tra questi ci siamo soffermati sulle app IO e Immuni attraverso le quali è possibile ottenere il certificato verde in pochi istanti.

Leggi anche: Green Pass: come scaricarlo su IO e Immuni (e cosa serve)

I tentativi di truffa online più diffusi sono proprio quelli di phishing, con i quali i criminali informatici cercano di sottrarre dati preziosi agli utenti. A seguito dello scoppio della pandemia i casi sono aumentati, come hanno rilevato gli esperti, e possono colpire chiunque. Da chi non utilizza spesso internet e le mail a chi ha a che fare col web tutti i giorni.

Leggi anche: Perché col Covid aumentano gli attacchi informatici? La relazione degli 007 italiani