desc

Elon Musk, dove vive il secondo uomo più ricco del mondo? La gag su Twitter

TECH
Edit article
Set prefered

Elon Musk, dove vive il secondo uomo più ricco del mondo? La gag su Twitter

Abbiamo un indizio: il valore della casa dell’imprenditore

Abbiamo un indizio: il valore della casa dell’imprenditore

Lo scettro di uomo più ricco del mondo è rimasto per poco tempo nelle mani di Elon Musk. Eppure l’uomo dietro Tesla e SpaceX non se la sta passando male, soprattutto perché ha scalato la classica del Bloomberg Billionaires Index, diventando il secondo Paperone più danaroso al mondo. L’imprenditore sudafricano, però, resta umile in fatto di abitazione. Poche ore fa su Twitter il profilo Tesla Owners of Silicon Valley ha pubblicato un video di un minuscolo monolocale prefabbricato montato in quattro e quattr’otto. «Sarà uno degli uomini più ricchi del pianeta – si legge nel tweet – ma Elon Musk vive in una casa da 50mila dollari come questa che affitta da SpaceX».

Leggi anche: Musk e bitcoin, oltre la politica dei tweet. Il mondo criptovalute è tutto truffa?

Chiamato in causa dal tag, Elon Musk non si è tirato indietro e ha commentato così: «Vero, vivo in una casa da 50mila dollari. Ma non in questa nello specifico». L’uomo di cui sempre più spesso si parla – sia per le novità dal mondo Tesla e SpaceX, sia per i rally sui mercati delle criptovalute scatenati dai suoi tweet – è un personaggio che adora comunicare e lanciare messaggi criptici attraverso i social network. Il fatto che un super ricco come lui abiti in una casa del valore di appena 50 mila dollari può senz’altro suscitare curiosità (anche se qualche proprietà immobiliare in giro, ci immaginiamo, l’avrà).

Leggi anche: Bezos va nello spazio. E su Change.org parte una bizzarra petizione

Chi ha letto la sua biografia, scritta dal giornalista Ashlee Vance, non ne rimarrà stupito del tutto. L’imprenditore visionario che sogna un futuro interplanetario per l’umanità è senz’altro l’emblema di un capitalismo anarchico, ma sarebbe riduttivo pensare che tutte le sue attività puntino ai soldi e al guadagno. Se si riflette sul lancio della startup SpaceX a inizio millennio, per citare la più famosa, i tanti fallimenti avrebbero convinto i più a lasciare perdere e a risparmiare soldi.