desc

Dallo sport alle startup: i progetti di ex atleti professionisti sul palco di LVenture

STARTUP
Edit article
Set prefered

Dallo sport alle startup: i progetti di ex atleti professionisti sul palco di LVenture

Lo scorso 8 luglio si è tenuto a Roma Digital & Entrepreneurship in Sports, un evento lanciato dall’operatore venture capital insieme alla società austriaca SKS365, per promuovere le iniziative imprenditoriali lanciate da alcune personalità del mondo dello sport

Lo scorso 8 luglio si è tenuto a Roma Digital & Entrepreneurship in Sports, un evento lanciato dall’operatore venture capital insieme alla società austriaca SKS365, per promuovere le iniziative imprenditoriali lanciate da alcune personalità del mondo dello sport

Prima atleti, poi startupper. Per un numero sempre maggiore di sportivi, la fine della carriera coincide con l’inizio di un altro percorso professionale, spesso rivolto all’imprenditoria. Tuttavia, il passaggio dal mondo dello sport a quello aziendale, anche laddove ci siano le idee giuste e le competenze, è spesso molto complicato. Per supportare progetti di questo tipo si è svolto, negli scorsi mesi, il percorso di formazione e sviluppo Digital & Entrepreneurship in Sports, lanciato dalla media company austriaca SKS365, tramite il suo Training Program, e la società di venture capital LVenture Group. Gli atleti che hanno formato la classe della prima edizione del programma sono stati presentati nell’hub romano di LVenture.

Foto: Facebook The Hub – LVenture Group

Quattro progetti tra sport e impresa

Gli atleti Andrea Fontanella, Carlotta Oggioni, Giulia Paolillo, Luca Alpozzi e Sonja Percan hanno presentato Sponsorboom, un progetto che punta a colmare il gap esistente tra l’offerta e la domanda di sponsorizzazione nello sport professionistico e dilettantistico. Il cestista della Pallacanestro Trieste, Andrea Coronica, ha portato sul palco Morbin, un’app dedicata all’allenamento personalizzato e alla riabilitazione con un approccio science-based. Coronica ha sviluppato l’applicazione insieme a un team composto anche dai calciatori Manuel Pascali e Stephen Makinwa e dal cestista Stefano Bossi.

Leggi anche:
Enel Innovation Hub: cinque anni di un network globale aperto alle startup

Hanno realizzato un’app anche i pallavolisti Giulio Alberto Silva e Nicola Sesto, Marco Ponteri, e il karateka Rabia Jendoubi. Si tratta di Travel Sport, dedicata a ottimizzare l’esperienza degli appassionati di eventi sportivi, che ogni anno viaggiano e vanno in trasferta per seguire i propri atleti preferiti. Infine, una squadra formata dai pallavolisti Andrea Radin, Daniele Postiglioni e Giorgio Barbareschi e dalla fondista Lara Peyrot, ha presentato Sport2Work. Una piattaforma personalizzata per definire il miglior percorso di formazione per gli atleti, in base alle loro soft skills e fornendo percorsi di tutoring e mentoring, corsi di formazione online e stage in aziende.
sport_lventure

Leggi anche:
Inghilterra, post razzisti contro la squadra. I social di nuovo nel mirino

Lo scopo del percorso di formazione di Lventure e SKS365

Obiettivo principale del programma è quello di riuscire a integrare le capacità degli atleti, come l’abitudine alla competizione e lo spirito di squadra, con le competenze strategiche e tecniche necessarie per avere successo in campo imprenditoriale e nella digital economy, uno degli ambiti più importanti in ottica della nuova normalità post pandemia.

Leggi anche:
Spiagge inclusive: il progetto Autism friendly beach

“Il programma ha dato la possibilità di esplorare le connessioni, oggi sempre più presenti, tra lo sport e la digital economy”, ha dichiarato Antonella Zullo, Head of Open Innovation di LVenture Group. “I progetti presentati, sviluppati grazie alla collaborazione con il Training Program di SKS365, al lavoro del team di Open Innovation di LVenture e dei mentor coinvolti, rispondono a nuovi bisogni di diversi stakeholder del mondo dello sport. Una conferma di come il digitale possa aprire nuovi scenari formativi“, prosegue Zullo. “Di crescita professionale e di business, in un settore che si sta aprendo all’innovazione e sempre più di grande interesse per le corporate”.