desc

Inquinano tutti allo stesso modo? L’UE lancia il piano trasparenza per gli aerei

Green Economy
IMPACT
Edit article
Set prefered

Inquinano tutti allo stesso modo? L’UE lancia il piano trasparenza per gli aerei

Un ranking con tanto di etichetta energetica

Un ranking con tanto di etichetta energetica

Green Economy

Quanta CO2 emette questo aereo? E quell’altro? I passeggeri europei presto potrebbero avere anche queste informazioni visto che l’Unione Europea è al lavoro insieme all’EASA (European Union Aviation Safety Agency) per offrire uno strumento in più in grado di aiutarli nella scelta meno impattante sull’ambiente. In ballo ci sarebbe un ranking con tanto di etichetta energetica – da lanciare entro la fine del 2022 – che verrebbe compilata in base alla carbon footprint degli aerei. Dopo lo scoppio della pandemia è stato come se l’emergenza ambientale avesse perso di importanza tra l’opinione pubblica internazionale, ma a un anno di distanza il dibattito sul contenimento delle emissioni di CO2 è in cima alle agenda della politica e dei governi.

Leggi anche: La Tesla dei cieli: ZER0 farà volare anche Greta?

Aerei: uso responsabile

L’impiego di aerei meno inquinanti e lo studio di soluzioni a zero emissioni rientrano tra le strategie di molte compagnie. Due anni fa il movimento no fly, capeggiato dall’attivista svedese Greta Thungberg, si era guadagnato l’attenzione di molti, soprattutto perché aveva sollevato la questione di un settore dei trasporti che inquina parecchio (il 2% delle emissioni di CO2 a livello globale è dovuto all’aviazione) e che, spesso, viene utilizzato anche in presenza di alternative meno inquinanti.

Leggi anche: La manta volante di Airbus punta sul taglio delle emissioni

Le informazioni sulla carbon footprint verrebbero messe a disposizione dei viaggiatori che potrebbero scegliere la compagnia meno inquinante, con l’effetto di incentivare una competizione green per la salute del pianeta. Senz’altro il ricorso massiccio a smart working, eventi digitali e riunioni in videocall ha già contribuito ad abbassare il numero di spostamenti spesso inutili che venivano fatti fino a un anno fa, quando anche per una semplice riunione di poche ore ci si sentiva obbligati a prendere l’aereo.

Leggi anche: EasyJet volerà carbon free? Intanto spende 29 milioni per piantare alberi