desc

Amazon Prime e la NBA femminile: l’accordo sui diritti streaming globali

LIFESTYLE
Edit article
Set prefered

Amazon Prime e la NBA femminile: l’accordo sui diritti streaming globali

Per la prima volta il gigante di Seattle firma con il mondo del basket professionistico

Per la prima volta il gigante di Seattle firma con il mondo del basket professionistico

Amazon Prime trasmetterà 16 match stagionali della WNBA, la Women’s National Basketball Association. Si tratta del primo accordo globale che riguarda il basket professionistico firmato dalla piattaforma streaming del gigante di Seattle che, per i prossimi anni, avrà così l’esclusiva per trasmettere in tutto il mondo diverse partite della NBA femminile. L’avanzata delle piattaforme streaming, da Netflix a Disney+ passando per Prime e Twitch, è stata accelerata dalla pandemia e, se si guardano agli Oscar o ai più recenti David di Donatello, è evidente quanto la produzione di queste piattaforme stia guadagnando sempre di più terreno (e risultati). Per quanto riguarda lo sport, Amazon aveva già chiuso un’operazione miliardaria aggiudicandosi l’esclusiva del Thursday Night Football della NFL dal 2023 fino al 2033 (alla voce di spesa: oltre un miliardo di dollari per ogni anno).

Leggi anche: Super League, il calcio nel pallone. Le interviste per capire che succede ora

«La WNBA è una delle principali leghe sportive professionistiche del mondo e serve da ispirazione a milioni di giovani – ha detto Marie Donoghue, vice presidente di Global Sports Video di Amazon – Sono felice perché stiamo portando queste atlete e giochi eccezionali su Prime Video». Nella recente polemica attorno alla Super League, il torneo dell’élite del calcio europeo subito bocciato dai tifosi, il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, aveva dichiarato che lo sport tradizionale dovrà sempre di più competere con il gaming e le piattaforme come Twitch. D’altra parte le strade per collaborare sono molte: l’accordo tra la NBA femminile e Amazon Prime è un esempio di quanto le società possono anche sfruttare una nuova visibilità (soprattutto tra i giovanissimi) grazie al digitale.

Leggi anche: Super League, il calcio d’élite già battuto da Fortnite e COD

Da anni i Big Tech stanno stringendo accordi con leghe professionistiche, squadre e campionati in giro per il mondo. Di recente, per esempio, Twitch ha trasmesso il derby basco tra Real Sociedad e Athletic Bilbao sul canale ufficiale della Liga Spagnola.

Leggi anche: «Esport, il sorpasso sul calcio in 5 anni». Intervista a Luca Pagano (Ceo QLASH)