desc

L’Alveare che dice Sì!, ecco il gruppo d’acquisto 2.0 in salsa social

LIFESTYLE
Edit article
Set prefered

L’Alveare che dice Sì!, ecco il gruppo d’acquisto 2.0 in salsa social

In Francia ha coinvolto oltre 120mila clienti: l’Alveare è una piattaforma per vendere e comprare dagli agricoltori prodotti a chilometro zero. Ma anche per trasformare la logica dei vecchi Gas in un’impresa sociale. Grazie alla tecnologia

In Francia ha coinvolto oltre 120mila clienti: l’Alveare è una piattaforma per vendere e comprare dagli agricoltori prodotti a chilometro zero. Ma anche per trasformare la logica dei vecchi Gas in un’impresa sociale. Grazie alla tecnologia

I gruppi d’acquisto trovano un’altra piattaforma per comprare, e gli agricoltori un’altra per vendere, i prodotti locali. L’Alveare che dice Sì!, con tanto di punto esclamativo, è un progetto sbocciato cinque anni fa in Francia che sbarca ora in Italia. Una delle prime uscite pubbliche, per così dire, è avvenuta a Fa’ la cosa giusta, la fiera degli stili di vita sostenibili andata in scena la scorsa settimana a Milano.

unspecified5

Dalla Francia con passione

L’idea, mutuata appunto dalla transalpina La Ruche qui di Oui!, è ambiziosa: costruire qualcosa di simile a un’impresa sociale. La piattaforma di vendita favorisce infatti gli scambi diretti fra agricoltori locali e comunità di consumatori che, una volta alla settimana, si ritrovano creando dei piccoli mercati temporanei a chilometro zero. Sono quelli che, nella grammatica del sistema, si chiamano “alveari”. In Francia questi gas 2.0 sono ormai oltre 650 mentre in Italia, dall’inizio dell’anno, ne è già spuntata una trentina.

unspecified6

Eugenio Sapora

Il traghettatore

In Italia l’ha portata Eugenio Sapora, ingegnere 35enne, cervello di ritorno (ha trascorso dieci anni a Parigi) che ha scelto di piazzare il quartier generale all’I3P, l’acceleratore e incubatore per startup del Politecnico di Torino, in particolare all’interno del programma Treatabit. Da startup innovativa, registrata lo scorso dicembre, la sponda è arrivare a definirsi nel giro di quattro anni un’impresa sociale a tutto tondo.

“Oggi tutti parlano di chilometro zero e di filiera corta e i benefici associati sono ben noti. Ma quando chiediamo ad amici, vicini e parenti dove fanno la spesa la risposta è sempre la stessa: al supermercato – spiega Sapora a The Food Makers – e questo perchè, anche se non mancano le iniziative, le barriere per accedere alla filiera corta sono effettivamente ancora alte: barriere economiche, logistiche, pratiche. L’Alveare che dice sì! vuole dare una risposta concreta all’abbattimento di questi ostacoli e potenziare la filiera corta, renderla virale e accessibile a tutti. In che modo? Mettendo al suo servizio tecnologia, socialità e sharing economy e dando cosi la possibilità a chiunque di aprire il proprio alveare”.

Come funziona

Il funzionamento è semplice. I produttori locali devono ovviamente iscriversi ad Alvearechedicesi.it e unirsi a uno di quegli alveari, proponendo in vendita i propri prodotti. Parliamo ovviamente del fresco, dalla frutta alla verdura passando per latticini e formaggi. I consumatori si registrano, scelgono sul sito cosa acquistare e finalizzano la transazione mentre il ritiro avviene appunto con cadenza settimanale. C’è anche un’ape regina, nel sistema: è il gestore dell’alveare, cioè la persona che ha preso l’impegno di tirare le fila e, anzi, di lanciare un singolo alveare. Motivando gli agricoltori ma anche pianificando qualcosa di più ampio e divertente, che dà al progetto il suo sapore da social network della vita reale: eventi, aperitivi, visite guidate nelle aziende agricole. L’altro obiettivo è appunto costruire un network di relazioni forte e collaborativo. Dare cioè ai gruppi d’acquisto solidali un seguito fuori dalle transazioni legate al cibo.

Lo scambio è diretto e i prezzi vengono fissati liberamente. C’è ovviamente una commissione del 16,7% che finisce in egual misura (8,35%) al gestore dell’alveare – a proposito, l’80% in Europa è donna ma ci sono anche soggetti collettivi come gruppi e associazioni – e alla stessa piattaforma, per consentirle l’organizzazione tecnica e commerciale.

unspecified

Dove sbocciano gli alveari

Venditori e acquirenti possono ovviamente incontrarsi un po’ ovunque: basta un bar, un ristorante, un agriturismo – magari per rimanerci a pranzo – o gli spazi di qualche associazione che voglia collaborare. “In questo meccanismo, che mette al centro la comunità e la genuinità dei prodotti, è fondamentale il ruolo della tecnologia – raccontano dal quartier generale – la piattaforma è stata sviluppata lavorando a stretto contatto con gli utilizzatori, per modernizzare ed accelerare la filiera corta e promuovere un modello di commercio più equo”. Nessun obbligo, nessun abbonamento, nessun importo minimo d’acquisto: ogni membro è libero di decidere se acquistare o no.

unspecified4

I numeri

Sono cifre importanti. In Francia, dove il primo alveare si tenne vicino Tolosa, e Belgio si contavano nel 2014 637 alveari, oggi evidentemente cresciuti, per un totale di 4.558 produttori coinvolti e 112mila clienti. Una comunità reale e digitale di tutto rispetto che ovviamente sul mercato italiano deve crescere ma ha già portato a bordo oltre 170 agricoltori. Da un paio d’anni il progetto fa parte del Food Assembly, un movimento nato per creare nuovi metodi per trovare e vendere i prodotti locali grazie alle potenzialità di internet e dei social network.

unspecified2

Le reazioni

“L’Alveare mi regala il piacere di far scoprire a chi abita nel quartiere i buoni prodotti locali, creando una rottura con l’anonimato della Gdo. Anche i clienti del bar sono felici, sanno che qui si usano solo prodotti dell’Alveare, prodotti di qualità” racconta Francesco Russano, gestore di un alveare a Torino. “Mi piace L’Alveare che dice Sì! perché non è solo uno spazio commerciale e di distribuzione, ma anche e soprattutto una comunità locale dove ci si può incontrare, si può discutere, scambiare idee o aiutarsi, inoltre si può ritrovare il piacere di fare la spesa” commenta invece Valentina Cocchi, gestore de I buffoni di corte, sempre a Torino.