desc

Lo slogan “Great Again” di Trump è diventato il suo primo sito governativo

ECONOMY
Edit article
Set prefered

Lo slogan “Great Again” di Trump è diventato il suo primo sito governativo

Su GreatAgain.gov ci sono comunicati stampa e una sezione “lavora con noi” con 4 mila posizioni aperte per candidarsi come staff

Su GreatAgain.gov ci sono comunicati stampa e una sezione “lavora con noi” con 4 mila posizioni aperte per candidarsi come staff

Economia Digitale
Scuola
Tecnologia

“Make America great again” si vedeva stampato su cappellini, magliette, spille di latta. Lo slogan che Donald Trump aveva tratto dalla campagna del 1980 di Ronald Reagan, oggi non è più solo un motto elettorale, ma un sito governativo. Il primo della presidenza Trump: GreatAgain.gov. Servirà al team del nuovo presidente Usa per gestire la transizione alla Casa Bianca finché non avverrà ufficialmente il passaggio di consegne.

screen_shot_2016_11_09_at_4-41-15_pm-0

Dalla campagna al sito .gov

Il dominio governativo di GreatAgain.gov è apparso ieri, poco dopo la vittoria del candidato repubblicano contro Hillary Clinton. Nella home si alterna una bandiera su un sole che albeggia con lo slogan “rivisitato” dopo la vittoria (“Let’s make America great, today”) a una foto di Trump con il pollice in su che ringrazia gli elettori per il loro supporto mentre abbraccia il vice-presidente Mike Pence.

“Help wanted”: c’è anche un modulo per 4.000 posizioni lavorative

Il sito è curato dal team di Donald Trump per la transizione alla presidenza: consiste in una parte “informativa” dove ci sono comunicati stampa, biografie del nuovo presidente e di Pence, e video e una parte interattiva “Share your ideas” dove gli americani possono condividere idee e opinioni con il nuovo presidente. Non è tutto: sul sito c’è anche una “job application”, ovvero un modulo di candidatura per posizioni lavorative, attraverso il quale il team di Trump seleziona 4.000 figure da inserire nello staff. In particolare, si cercano persone da inserire presso agenzie governative, pubbliche amministrazioni e negli staff personali degli esperti di politici.

@carlottabalena