immagine-preview

Set 28, 2018

Partnership tra Bocconi e Politecnico per le startup innovative. Al via in nuovo corso di laurea “Cyber Risk Strategy and Governance”

I rettori Ferruccio Testa del Politecnico e Gianmario Verona della Bocconi hanno firmato un accordo storico alla presenza del sindaco Sala. “Cyber Risk Strategy and Governance” sarà la nuova magistrale in inglese

L’Università Bocconi e il Politecnico di Milano hanno firmato oggi, venerdì 28 settembre, una partnership per fondere le competenze così da rispondere al meglio alle esigenze del mercato del lavoro, sostenendo anche l’imprenditorialità attiva. Grazie a questa collaborazione, dall’anno accademico 2019/20, verrà così inaugurato un nuovo corso di laurea magistrale congiunto in “Cyber Risk Strategy and Governance”. L’altra novità riguarda le startup nate nei due ecosistemi universitari: a novembre 20 di loro potranno partecipare al BeReady2Fly alla Borsa Italia.

Il nuovo corso di laurea congiunto

A Milano la specializzazione in “Cyber Risk Strategy and Governance” sarà in lingua inglese e riservata a 50 studenti dell’Università Bocconi e del Politecnico. Lo scopo di questo corso di laurea è di trasmettere gli strumenti necessari a comprendere, valutare e governare le opportunità e le minacce derivate dalle tecnologie emergenti. Con questa partnership formativa i due atenei vogliono attrarre chi ha già un background in materie tecnologiche e computer science, ingegneria, management, scienze politiche. Al termine del percorso di studi, i laureati saranno in grado di affrontare i cyber risk e il loro impatto sulle performance delle organizzazioni.

BeReady2Fly il 26 novembre

Oltre al nuovo corso di laurea, l’Università Bocconi e il Politecnico di Milano hanno parlato anche di imprenditorialità e di idee innovative dandosi appuntamento al BeReady2Fly, l’evento in programma il 26 novembre a Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa Italiana. Sarà l’occasione in cui i rispettivi incubatori dei due atenei milanesi, PoliHub e Speed Mi Up, permetteranno l’incontro tra potenziali investitori e le realtà industriali con le migliori startup ad alto potenziale dei due ecosistemi universitari. Ne verranno selezionate 20 che potranno così presentarsi al BeReady2Fly: chi volesse candidarsi la “Call2Fly” è già partita. Tra i sostenitori dell’evento compaiono Citi, che sostiene il progetto tramite Citi Ventures , divisione dedicata all’innovazione, Officine Innovazione di Deloitte e Tinaba | Sator.

Il Sindaco di Milano Giuseppe Sala era presente a fianco dei rettori Ferruccio Resta (Politecnico) e Gianmario Verona (Bocconi) all’atto della firma di un accordo storico tra un ateneo pubblico e uno privato. «Si tratta di un accordo importante – ha sottolineato Resta – che non si misura nel ritorno che avranno i nostri atenei, ma nelle ricadute che porterà a livello sociale. L’alleanza presenta proposte concrete per la crescita dei nostri studenti e dei nostri futuri imprenditori, e lancia segnali positivi al mondo produttivo e alle istituzioni».

Leggi anche: Bocconi tra le Top Università per il Financial Times. «Da noi coding obbligatorio e filosofia. Il futuro sarà migliore grazie a questi giovani»

«Il senso dell’alleanza tra i nostri atenei – ha aggiunto il rettore Verona dell’Università Bocconi – è mettere in campo le migliori competenze per offrire alla generazione z, ovvero al futuro del nostro paese, la migliore formazione, in linea con le necessità di un mercato del lavoro in continua evoluzione, e le migliori possibilità per sviluppare le proprie idee imprenditoriali. Un’alleanza possibile perché sviluppatasi in una città, Milano, con il giusto contesto istituzionale e con una vocazione internazionale e di apertura.

Leggi anche: 307 milioni di euro investiti in startup nei primi 9 mesi del 2018. È record: tutti i round in una timeline

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter