Startcup Lombardia: vincono progetti sociali che mettono al centro la persona immagine-preview

Ott 15, 2018

Startcup Lombardia: vincono i progetti che mettono al centro salute e sicurezza

Nella sede di Palazzo Lombardia sono stati scelti i migliori sei tra i 12 finalisti. Riconoscimenti speciali sono stati assegnati anche da Deloitte Italia e dalla Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi

Isaac, Mag Shell e Trimatech hanno vinto i premi da 15mila euro ciascuno alla finale della Startcup Lombardia 2018, tenutasi oggi lunedì 15 ottobre. La sedicesima edizione della competition promossa da Regione Lombardia, che ha accolto i pitch dei partecipanti al 39esimo piano di Palazzo Lombardia, ha riconosciuto come i migliori i progetti dal forte impegno sociale.

 

Isaac è un dispositivo antisismico da installare sui tetti degli edifici in grado di garantire un monitoraggio costante. Mag Sheel propone un device biodegradabile contro la maculopatia – patologia causa della perdita della vista – che, tramite un’unica iniezione, rilascia il trattamento replicando la pratica clinica. Infine Trimatech, già premiato alla Startcup Bergamo 2017, diventerà presto un prototipo di carrozzina per persone disabili facilitando attività quotidiane come l’utilizzo dei sanitari.

L’edizione 2018

Alla Startcup Lombardia 2018 hanno gareggiato 12 progetti provenienti dagli atenei di tutta la Regione e cresciuti negli Incubatori Universitari Lombardi. Oltre alle prime startup riconosciute, sono stati premiati con 5mila euro ciascuno altri tre progetti di open innovation. CaSRevolution è una startup che studia l’Alzheimer e le possibilità che un farmaco già esistente possa bloccare la cascata neurodegenerativa alla base della malattia. Di materiali compositi si occupa invece Moi, progetto che utilizza la robotica e l’intelligenza artificiale proponendo al momento un server multisettore per i clienti. Chiude il gruppo dei progetti premiati alla Startcup Lombardia 2018 Photon Path, iniziativa nel campo della fotonica integrata da utilizzare per le reti di comunicazioni.

Startcup Lombardia e l’open innovation

Presente alla finale di Starcup Lombardia nella Sala Belvedere c’era anche Stefano Mainetti, CEO di PoliHub. “Il mondo delle startup è cambiato – ha dichiarato – e come abbiamo visto in questi mesi di selezione e mentorship i team si sono rivelati sempre più solidi. L’open innovation sta facendo breccia nelle aziende, dove ci si rende conto che non tutta l’innovazione può essere endogena. Bisogna guardare anche fuori”. Ruolo attivo in tutto questo percorso è stato giocato anche da Deloitte Italia e dalla Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi che hanno rispettivamente consegnato un premio da 5mila euro e quattro da 2500 euro l’uno.

Leggi anche: Partnership tra Bocconi e Politecnico per le startup innovative. Al via in nuovo corso di laurea “Cyber Risk Strategy and Governance”

A vincere il premio FoodForward rilasciato da Deloitte è stato il progetto Fleep con la sua proposta di circuiti microelettronici di plastica totalmente riciclabili. L’idea, come spiegato durante il pitch, guarda al packaging intelligente e utilizzerebbe la cosiddetta tecnologia stampabile. “In questi anni di collaborazione con Startcup Lombardia abbiamo imparato molto – ha commentato Gabriele Secol, Director di Deloitte Italia – ad esempio che non possiamo ricercare l’innovazione sempre al nostro interno, ma fare sistema con le istituzioni e con le università. Una competition come questa è una palestra dove allenarsi per il mercato”.

AI e intelligenza artificiale

I quattro premi “Startup 4.0” assegnati dalla Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi sono andati, oltre ai già citati Isaac e Fleep, ai progetti Dirty Sensing e Complex Data: entrambi basati sull’intelligenza artificiale. Il primo sfrutta l’AI per offrire una soluzione di monitoraggio diffuso dell’acqua pubblica: dati e informazioni dai sensori installati in più punti della rete sono uno strumento in più per il controllo qualità e la riduzione dei costi di manutenzione. Complex Data opera invece nel settore medico, lavorando su dati che possono essere utili alla cosiddetta medicina personalizzata: la sua tecnologia verrebbe offerta gratuitamente agli ospedali.

I sei progetti vincitori della Startcup Lombardia accederanno ora alle fasi finali del 29 e 30 novembre a Verona, dove si assegnerà il Premio Nazionale dell’Innovazione organizzato da PNIcube. Intanto la sedicesima edizione di Startcup Lombardia è stata celebrata come un importante occasione di sviluppo per la Regione. “Bisogna continuare a creare un magnete che attragga in questi territori chiunque abbia un’idea – ha detto il Rettore del Politecnico Ferruccio Resta – In Lombardia c’è il DNA degli imprenditori”.

 

Ai lavori presso Palazzo Lombardia ha preso parte anche l’Assessore regionale allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli, chiudendo un percorso che ha visto la partecipazione di 84 startup. “Un’iniziativa eccellente perché si basa sull’innovazione e sul merito – ha dichiarato l’Assessore Mattinzoli – Il percorso è partito dalla preparazione didattica per poi applicarla a chi ha talento, intuizione, creatività. Questo è un concorso paragonabile al sale che dà sapore: può di certo innescare la scintilla della genialità, quindi un processo virtuoso che porta anche all’emulazione fra i giovani”.

Leggi anche: CHIMERA, Idroplan, Paladin e Rules: ecco i vincitori della Start Cup Lombardia 2017

Le migliori della scorsa edizione, presenti alla finale di oggi, hanno dato i primi consigli ai nuovi vincitori: “Investite sul team”, “D’ora in poi sarete su un ottovolante: tenete la barra dritta”, “Mai scoraggiarsi”. Insomma, in bocca al lupo start(c)upper!

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter