A Trieste con Microsoft nasce un polo d’eccellenza per l’innovazione: si parte con 10 startup

Un polo d’eccellenza per sviluppare startup innovative, a Trieste nasce Tilt e Microsoft si accorda con le istituzioni per fornire tecnologia e know how

Microsoft ha scelto Trieste per creare un polo di innovazione d’eccellenza in Europa. Certo, si fa facile a chiamarla nuova Silicon Valley come si legge sui giornali ma al di là delle etichette quello che è in ballo fra Area Science Park e Teorema Engineering (con il placet dell’Università degli studi di Trieste) è un modello di sicuro interesse. Perché si tratterà di un polo di ricerca e sviluppo per idee, capaci di diventare imprese vere, e creare un ecosistema dove formazione, hardware e software permetteranno di ridurre al minimo il tempo che intercorre fra l’ideazione di un prodotto e il mercato.

trieste tilt

Trieste vedrà la nascita di un distretto tecnologico dedicato all’innovazione: un’iniziativa, questa, che verrà presentata martedì primo marzo e che vedrà il contributo di Microsoft. Il progetto si chiamerà Tilt, acronimo di Teorema Incubation Lab Trieste. Ma di fatto cosa farà Microsoft? Da quello che emerge si tratta di un’alleanza strategica sul fronte tecnologico. Un esempio di integrazione tra pubblico e privato, attraverso il quale creare le condizioni ideali per lo sviluppo del primo distretto territoriale interamente dedicato alla ricerca e allo sviluppo nell’Information technology.

L’obiettivo è di far nascere delle imprese innovative in questo specifico comparto e di farle gravitare già nella fase di early stage nell’orbita di Microsoft. Così da creare un ecosistema interno al polo dove formazione, hardware e software permetteranno di ridurre al minimo il cosiddetto “time to market”, il tempo che intercorre fra l’ideazione di un prodotto e la sua effettiva commercializzazione.

Sappiamo quanto importante sia avere tempi spazi stretti per la nascita e lo sviluppo di idee innovative. Microsoft, con Teorema, metterà a disposizione del progetto le proprie piattaforme e il proprio know how, in modo da far crescere nuove realtà imprenditoriali. Detto in numeri, una decina di startup, vedranno la luce all’interno del polo scientifico di Padriciano.

Ti potrebbe interessare anche

1,2 milioni per startup culturali dalla Regione Lazio

I settori di attività ammessi al bando sono Arti e beni culturali, Architettura e design, Spettacolo dal vivo e musica, Audiovisivo, Editoria. Iscrizioni entro il 31 marzo 2016

100 investitori per 4 startup: cosa è successo all’Investor Day di Luiss EnLabs

In occasione dell’Investor Day Karaoke One, KPI6, Babaiola e Nausdream, startup uscenti dall’ultimo Programma di Accelerazione, hanno fatto il loro debutto

10 IPO di startup nel 2015 che non possiamo non ricordarci (e le più attese del 2016)

4 miliardi di dollari. Ammonta a questa cifra il totale delle tech Ipo del 2015. Ecco quelle che sarebbe bene ricordare per capire qualche trend di mercato

13 cose che cercano nelle startup 13 dei più importanti investitori americani

Il live blog di Product Hunt ha ospitato, negli ultimi mesi, interviste a diversi investitori internazionali: ecco una sintesi utile di cosa ne è uscito

Fare business vero con i rifugiati: perché Soros investirà 500 milioni nelle loro startup

L’imprenditore di origine ungherese, fondatore delle Open Society Foundation, ha deciso di promuovere le idee di business di chi scappa da guerra e povertà. E stimola il settore privato a impegnarsi per dare loro accesso a tutti servizi e favorirne così l’autonomia nelle comunità che li ospitano

Il senso del round di MoneyFarm con Allianz, secondo Paolo Galvani

A quasi un anno dal primo grande round da 16 milioni e all’indomani dell’annuncio di un altro round con il gruppo Allianz, abbiamo intervistato il presidente di MoneyFarm Paolo Galvani. Consigli alle startup fintech? «sfatiamo il mito delle banche che cercano startup, bisogna puntare tutto sul team per impressionare gli investitori».

Questa batteria si autodistruggerà in 30 minuti. Transient Technologies

I ricercatori della Iowa State University hanno realizzato una batteria da 2,5 Volt a base di alcool polivinilico che si dissolve in acqua in 30 minuti. In futuro potrà essere utilizzata per dispositivi medici da impiantare nel corpo umano, per sensori ambientali temporanei e per dispositivi militari che non devono cadere nelle mani del nemico.