8 cose che il Governo deve fare subito per le startup secondo 8 investitori

Cosa dovrebbe contenere il decreto Finanza per la crescita 2.0 secondo chi con le startup in Italia ci lavora. Le opinioni di investitori e associazioni

7 maggio. In un’intervista al Corriere della Sera Pier Carlo Padoan annuncia: «Niente tasse a chi investe nelle piccole e medie imprese». 9 maggio. Alcune agenzie confermano che la defiscalizzazione degli investimenti avrebbe riguardato anche le startup innovative. Si parla di investimenti in startup da parte di società quotate che decidono di acquistare almeno il 20% delle azioni di un’azienda innovativa. «Un provvedimento al vaglio in queste settimane», si leggeva in quei giorni. Ad oggi del decreto Finanza per la crescita 2.0 non se n’è ancora discusso, ma sappiamo che succederà. A breve. E’ qualcosa che interessa, e tanto, chi con le startup in Italia ci lavora. Founder&Funders. I primi potrebbero improvvisamente trovarsi molto più appetibili per aziende in cerca di nuovi mercati o prodotti. Ma anche i secondi, che le quote tante volte le posseggonoNe abbiamo contattati otto. E sembrano un po’ tutti d’accordo, con qualche distinguo. Anche duro.

magnifici 8

Il presidente di Italia Startup Marco Bicocchi Pichi lo vede come un passo verso lo slogan che lo ha portato alla presidenza dell’associazione delle startup italiane: «Un miliardo di investimenti». Ma chiede anche che il Governo convochi le associazioni di settore (come la sua) per discutere le possibili misure sulle startup. Per Riccardo Donadon di H-Farm è quello che serve al settore, quello che chiede oramai dal 2012. Sulla stessa linea anche Marco Gay di Digital Magics che vorrebbe una detassazione alla spagnola, Marco Cantamessa di i3P che la vede come leva per liberare la ricchezza privata (enorme) che c’è in Italia. Unica nota critica è Gianmarco Carnovale, Roma Startup, associazione romana delle startup, che ritiene «poco utile» incentivare le Pmi a fare R&D e propone tra le altre cose una «no-tax&bureaucracy area fino a 60 mila euro». Qui un quadro completo delle 8 opinioni raccolte. Con un link all’intervista integrale pubblicate oggi dal nostro sito.


“Leggi


“Leggi


“Leggi


“Leggi


“Leggi


“Leggi


“Leggi


“Leggi

Arcangelo Rociola – Aldo V. Pecora
@arcamasilum
@aldopecora

Un box di delizie e un kit per la ricetta. L’ecommerce Caciocavallo Impiccato

Dal kit basic a quello gourmet, c’è tutto l’occorrente per preparare il caciocavallo impiccato, inclusa l’asta brevettata per tenerlo sopra una fonte di calore. Prevista a breve anche una rete di Street Food e un carrello-cucina per i ristoranti. Il progetto di Saverio Mancino nei dettagli

Allarme mondiale: il ransomware Petya dilaga bloccando trasporti, centrali elettriche e perfino Chernobyl

L’attacco, forse condotto con “Petrwap” una variante del virus Petya, già nota agli esperti, attacca le macchine Windows. Come già accaduto con Wannacry, anche in questo caso il ransomware utilizza l’exploit EternalBlue rubato alla NSA