La SIAE paga Google per apparire come primo risultato se cerchi Soundreef e Patamu

Siae ha avviato una campagna di advertising per risultare come primo risultato se su Google si cercano centinaia di parole: tra queste i nomi di due startup competitor: Soundreef e Patamu. La società conferma

Se siete davanti ad un computer, connesso a internet, potete fare con noi un esperimento. Aprite il browser e digitate su Google una parola: Soundreef. Sì, parliamo della startup di Davide D’Atri che si propone come alternativa alla SIAE e che, negli ultimi mesi, ha portato nella sua scuderia nomi importanti come Fedez, Raffaella Carrà e  Gigi D’Alessio. Fatto? No, non stupitevi. Non c’è niente di strano. In alto, il primo risultato a pagamento, è proprio quello della SIAE. Sì, la storica società sta pagando per apparire nelle ricerche del suo principale competitor.

13502090_514490295416813_5772348263306180749_n

Il commento della SIAE

StartupItalia ha contattato la SIAE per avere un commento riguardo a questa piccola stranezza arrivata dalla rete. L’azienda conferma: «SIAE ha avviato una campagna Google Adwords con centinaia di keyword diverse, tra le quali ha ritenuto opportuno inserire anche Soundreef e Patamu, al fine di informare su SIAE e i servizi che offre ai propri associati coloro che fanno ricerche in tema di diritto d’autore». Pagare per dare sempre un contradditorio a chi cerca di informarsi sul tema quindi, spiega l’azienda.

La segnalazione da Facebook

Questa curiosità è stata denunciata da una pagina Facebook, particolarmente attiva, Social Media Epic Fails, ripresa da un post apparso sulla pagina di Patamu. Una pagina che propone una selezione di interessanti “case studies”, “per quei professionisti e feticisti di comunicazione advertising e marketing online che ci sballano con queste cose, che vogliono scambiare idee, o che non hanno nulla da fare durante la pausa cappuccino e sigaretta”. Ad oggi conta oltre 44mila seguaci. Il post, apparso qualche ora fa, ha registrato quasi 70 condivisioni, diversi commenti, e oltre 370 like.

Arcangelo Rociola
Alessandro Frau

Ti potrebbe interessare anche

D’Atri (Soundreef): «Perché la nostra battaglia sui diritti d’autore riguarda tutto l’ecosistema»

Intervista a Davide D’Atri, Ceo di Soundreef, che in questi giorni col supporto di centinaia tra startup e stakeholder chiedono al Governo di ripensare la legge sui diritti d’autore. I motivi

Di cosa parla la direttiva europea sui diritti d’autore che l’Italia non vuole recepire

Una direttiva europea del 26 febbraio 2014 ha chiesto all’Italia di adeguare la legge sul diritto d’autore del 194. Ma in Italia non si vuole recepire in toto, di fatto favorendo la SIAE

Dopo Fedez, anche Gigi D’Alessio molla la SIAE e passa a Soundreef

Il cantautore napoletano (20 milioni di dischi venduti) da gennaio 2017 affiderà alla startup di Davide D’Atri la gestione dei diritti di musiche e testi

Fedez molla la SIAE e passa a Soundreef: «Meglio loro, mi piace la trasparenza. E le startup»

Il rapper Fedez ha annunciato di voler lasciare la SIAE per la gestione dei diritti delle sue canzoni e di affidarsi alla startup Soundreef. D’Atri: «Scelta coraggiosa e di innovazione»

Anche i ragazzi dell’Apple Academy dentro il dream team di Giffoni

Grazie a un’intesa siglata dall’università Federico II e il Giffoni Innovation Hub, gli allievi del polo di San Giovanni a Teduccio potranno integrarsi nel gruppo di innovazione che sviluppa idee imprenditoriali creative connesse al festival del cinema per ragazzi

Noi cuciniamo, tu fai lo chef. Ecco i meal kit di Amazon

Un’indiscrezione di TechCrunch racconta di una serie di marchi e slogan registrati a tema cibo, fra cui quelli relativi a un servizio di consegna a domicilio di kit con ingredienti pronti per “costruire” un pasto. E non solo

Dalle borse alla tecnologia. Il marchio Louis Vuitton arriva anche sullo smartwatch

Realizzato in collaborazione con Google e Qualcomm Technology, il Tambour Horizon di Vuitton si differenzia dagli altri per lo stile e la personalizzazione, con una varietà di 30 cinturini sia per uomini che per donne. Può arrivare a costare 2.900 dollari