Covid-19, in Cina si torna in città. La febbre si misura in autostrada

Ultimo aggiornamento il 26 marzo 2020 alle 17:29

Covid-19, in Cina si torna in città. La febbre si misura in autostrada

Una nuova normalità a Wuhan, il primo focolaio del coronavirus

Code in autostrada. Ma questa volta non c’entra il traffico a cui siamo stati sempre abituati. All’arrivo in uno dei caselli autostradali di Wuhan la polizia e le autorità misurano la temperatura a ciascun automobilista e passeggero. La città focolaio da cui tutto è partito torna gradualmente alla normalità. Il profilo Twitter di China Daily ha pubblicato un video ripreso da un drone, grazie al quale è visibile la lunga scia di automobili pazientemente in attesa degli ennesimi controlli sanitari necessari per scongiurare quello che gli esperti chiamano il contagio di ritorno. Il coronavirus ha scosso la Cina e ora tocca al mondo intero, con effetti sull’economia e sui rapporti tra le persone.

Leggi anche: Come uscire dalla crisi? Megafondo di CDP e bond Salva Italia. Pro e contro

© Fonte: Profilo Twitter China Daily

Cina: qual è la nuova normalità?

Le cronache di questi giorni, mentre l’Italia e tutto l’Occidente sono ancora alle presa con numeri inquietanti su contagi e decessi, mostrano la città di Wuhan ripopolata dai suoi abitanti, con una vita che torna lentamente ai normali ritmi cui era abituata questa megalopoli da 11 milioni di persone. Quasi nessuno ne aveva sentito parlare prima di gennaio, fino alle prime notizie su un misterioso virus diffusosi, pare, in uno dei wet market della città.

Leggi anche: Coronavirus | Ecco il nuovo modulo di autocertificazione. Dove scaricarlo

La storia di Wuhan ci insegna che la normalità non sarà riconquistata da un giorno all’altro. La fila in autostrada è dovuta ai rientri di tante persone che, residenti in altre città vicine, sono potute tornare al lavoro dopo tanto tempo. Wuhan resta però isolata sul fronte dei collegamenti aerei, che riprenderanno soltanto l’8 aprile, anche se restano escluse le tratte da e per Pechino e quelle internazionali. La quarantena e l’isolamento possono dirsi terminati, ma il gigante asiatico non può permettersi di abbassare la guardia: fino a quando non sarà trovato un vaccino, il contagio di ritorno resta un’eventualità tutt’altro che remota.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter