desc

Coronavirus | Bild all’Italia: “Siamo con voi”. Beeilt euch! (Fa’ presto!)

LIFESTYLE
Edit article
Set prefered

Coronavirus | Bild all’Italia: “Siamo con voi”. Beeilt euch! (Fa’ presto!)

Un nuovo, ennesimo, articolo di solidarietà verso Roma. Intanto Berlino non molla sul MES

Un nuovo, ennesimo, articolo di solidarietà verso Roma. Intanto Berlino non molla sul MES

Una cosa la ricorderemo di questo periodo: tutto il mondo ama l’Italia, la sua storia, la sua arte, il suo cibo. Ma quando si tratta di aiuti concreti nel pieno della pandemia, il sostegno assomiglia più alla classica “pacca sulla spalla”. La Bild, uno dei giornali più letti in Germania, ha pubblicato un articolo sul proprio sito intitolato “Siamo con voi”, dove non si contano le lodi al Belpaese, ineguagliabile per stile di vita e bellezza. Fino alla frase tombale: «Ce la farete. Perché siete forti», con tanti saluti ai buoni propositi della solidarietà comune.

Leggi anche: Commerzbank: Btp italiani a rischio. E consiglia ai clienti di vendere

Il titolo di un articolo pubblicato sulla Bild Zeitung

Bild: “Ci avete portato il buon cibo”

Come sottolinea anche il corrispondente del Corriere della Sera da Berlino, Paolo Valentino, l’intento (magari nobile) di supportare a gran voce la rinascita dell’Italia dopo il coronavirus, in realtà è un articolo colmo di luoghi comuni sull’Italia. «Improvvisamente c’erano antipasti, farfalle, tiramisù. Non più solo patate, crauti, polpettone», si legge nel catenaccio dell’articolo, che ricorda di una Germania un tempo soccorsa almeno sul fronte culinario. Come dire: quel che fa dell’Italia un paese fondamentale per l’Europa non sono i De GasperiSpinelli e tutti quegli uomini e donne di cultura e scienza che hanno contribuito nei secoli a edificare la cultura europea. No: la prima cosa per la quale siamo famosi sarebbero gli antipasti…

Angela Merkel

© Bundesregierung

Mentre Roma e Berlino ancora trattano sulla solidarietà europea, in un estenuante braccio di ferro, non è ancora chiaro come l’Ue entrerà nel nuovo scenario che attende tutti. Crisi economica, produzione industriale a picco, disoccupazione. Il fronte tedesco, va ricordato, non è unanime nel rifiuto ai coronabond per sostenere l’Italia: Robert Habeck, leader dei verdi, è stato tra i primi a rompere gli indugi chiedendo una vera svolta che permetta la mutualizzazione del rischio. «Ciao, Italia. Ci rivedremo presto. Per un espresso o un vino rosso».

Leggi anche: Germania, leader Verdi: “Sì ai Coronabond, dobbiamo aiutare l’Italia”