Zone rosse e arancioni | Che cosa chiude: attività e negozi
single.php

Ultimo aggiornamento il 5 novembre 2020 alle 6:51

Zone rosse e arancioni | Che cosa chiude domani: attività e negozi

Oltre alle misure nazionali, Palazzo Chigi ha previsto altre restrizioni per i territori più esposti

In base all’ultimo dpcm approvato dal Governo Conte, l’Italia da domani viene suddivisa in zone per entità di rischio dovute al contagio. Le zone rosse e arancioni sono quelle che, oltre alle misure nazionali valide per tutte le regioni da nord a sud, vedranno più chiusure di esercizi come ristoranti e bar. Ecco dunque le attività che resteranno chiuse fino al 3 dicembre là dove la seconda ondata desta più preoccupazione. Come più volte spiegato da Palazzo Chigi queste misure, dolorose per il sistema produttivo e non solo, puntano a evitare il lockdown generalizzato come tutto il paese e altre parti d’Europa hanno vissuto la scorsa primavera.

Leggi anche: Zone rosse: ecco le attività che restano aperte

Zone rosse: negozi e attività

In quelle che vengono classificate come zone rosse, sono chiusi i mercati non alimentari e tutti i negozi che non sono compresi nell’elenco che anche StartupItalia ha pubblicato. Sempre nelle zone rosse resteranno chiusi i bar, i pub, i ristoranti, le gelaterie, le pasticcerie. Le attività di ristorazione che prevedono consegna a domicilio potranno rimanere aperte fino alle 22 anche con la possibilità dell’asporto.

Leggi anche: Quali Regioni saranno zona rossa? Quali finiranno in zona arancione?

Zone arancioni

Nelle zone arancioni il Governo ha mantenuto l’obbligo di chiusura di bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie ad esclusione delle mense e del catering. Nelle zone arancioni a partire da domani sarà consentita la ristorazione con consegna a domicilio e l’asporto fino alle 22.

Leggi anche: Lombardia zona rossa e in lockdown? Confcommercio: “Sarà un disastro”

Misure nazionali

Le misure nazionali prevedono infine la chiusura dei centri commerciali di medie e grandi dimensioni nei giorni festivi e prefestivi. Alle 18 bar e ristoranti dovranno chiudere e ci potranno essere soltanto 4 persone per tavolo. Valgono infine le solite disposizioni su mascherina e distanziamento sociale.

Leggi anche: Lockdown a Natale? Cosa dicono i leader in Europa

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche