Glovo, round Serie F da 450 milioni. Gli obiettivi sul Quick Commerce
single.php

Ultimo aggiornamento il 1 Aprile 2021 alle 10:18

Glovo, round Serie F da 450 milioni. Gli obiettivi sul Quick Commerce

Si tratta della più grande operazione mai conclusa da una startup spagnola

Glovo, uno degli attori del food delivery, ha annunciato la chiusura del round di finanziamento serie F da 450 milioni di euro, guidato da Lugard Road Capital e Luxor Capital Group. All’aumento di capitale hanno partecipato anche i precedenti investitori Delivery Hero, Drake Enterprises e GP Bullhound. Si tratta della più grande operazione mai conclusa da una startup spagnola e servirà per rafforzare i suoi servizi nei 20 mercati dove opera, con particolare focus sullo sviluppo del Quick Commerce: si tratta del servizio di consegna a domicilio della spesa e di altri prodotti in pochi minuti in qualsiasi momento della giornata. L’obiettivo dichiarato dall’azienda è far diventare Glovo l’“App per la città”.

Leggi anche: Deliveroo, gomme sgonfie in Borsa: alla partenza perde il 30%

Glovo

Glovo: consegna rapida

«Abbiamo inaugurato il nostro secondo dark store a Milano e il primo a Torino e puntiamo entro la fine dell’anno di averne almeno 15 sul territorio, programmando oltre 100 assunzioni come personale dedicato – commenta Elisa Pagliarani, General Manager di Glovo Italia – La spesa è un segmento del nostro servizio che nell’ultimo anno è cresciuto del 400%».

Leggi anche: Everli chiude un round di serie C da 100 milioni

Glovo conta oltre 10 milioni di utenti a livello globale e lavora alla crescita delle categorie spesa e retail attraverso accordi con importanti partner locali, e allo stesso tempo investendo sull’espansione dei propri centri di stoccaggio di beni di largo consumo: i dark store situati nei punti nevralgici delle città. L’obiettivo è avere una rete di 200 dark store nel mondo per la fine del 2021. Il servizio di Quick Commerce attraverso i dark store è complementare al servizio di spesa già offerto da Glovo attraverso i supermercati, grazie ad accordi con partner come Carrefour o Gruppo Végé. La spesa via dark store si rivolge infatti, a un consumatore che vuole soddisfare un bisogno immediato e che quindi premia la velocità di consegna rispetto a un’ampia scelta di marche o prodotti.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche