desc

CMR Surgical raccoglie 600 milioni di dollari in un finanziamento di serie D

ECONOMY
Edit article
Set prefered

CMR Surgical raccoglie 600 milioni di dollari in un finanziamento di serie D

Oltre a SoftBank Vision Fund 2 e Ally Bridge Group, il finanziamento è stato realizzato con la collaborazione di altri nuovi investitori internazionali, tra cui RPMI Railpen, Tencent e Chimera

Oltre a SoftBank Vision Fund 2 e Ally Bridge Group, il finanziamento è stato realizzato con la collaborazione di altri nuovi investitori internazionali, tra cui RPMI Railpen, Tencent e Chimera

CMR Surgical, azienda di chirurgia robotica, oggi ha annunciato di aver raccolto 600 milioni di dollari (£425 milioni di sterline inglesi) in un round di finanziamento di serie D. Il ciclo è stato guidato da SoftBank Vision Fund 2 e co-guidato da Ally Bridge Group e sosterrà la missione di rendere la chirurgia laparoscopica accessibile a sempre più persone in tutto il mondo. I fondi – fanno sapere dal gruppo – saranno utilizzati per espandere la commercializzazione a livello mondiale di Versius, il sistema robotico chirurgico di nuova generazione di CMR, e sviluppare ulteriormente il relativo ecosistema digitale.

 

Vegard Nerseth, Chief Executive Officer di CMR, ha commentato: “Tramite quest’ultimo finanziamento CMR ha ricevuto importanti fondi che ci permetteranno di accelerare la realizzazione della nostra missione, ossia portare Versius negli ospedali di tutto il mondo, dandoci al contempo la piena flessibilità nel raggiungere i nostri obiettivi”. Quindi ha aggiunto: “Questa consistente iniezione di capitale che ora ci porta a un valore di 3 miliardi di dollari riflette non solo il livello di interesse verso il nostro prodotto, ma anche le dimensioni del business e consentirà la realizzazione di importanti soluzioni tecnologiche e l’espansione su scala mondiale”.

Leggi anche: Round seed da 1 milione di euro per Akuis

“In qualità di investitore principale – ha concluso Nerseth -, SoftBank ha una vasta esperienza nel sostenere modelli di business dirompenti e tecnologie innovative, e non vediamo l’ora di beneficiare della sua competenza e del suo vasto ecosistema. Inoltre, vorrei ringraziare i nostri attuali investitori per il loro sostegno nel lungo termine”.

Oltre a SoftBank Vision Fund 2 e Ally Bridge Group, il finanziamento è stato realizzato con la collaborazione di altri nuovi investitori internazionali, tra cui RPMI Railpen, Tencent e Chimera, ampliando così la distribuzione geografica dell’azionariato. Al ciclo hanno partecipato anche gli attuali investitori, tra cui LGT e la sua piattaforma affiliata di impact investing Lightrock, e ancora Watrium, Cambridge Innovation Capital, PFM Health Sciences e GE Healthcare.