desc

Due startup italiane selezionate tra le 50 migliori IOT d’Europa

Economia Digitale
ECONOMY
Edit article
Set prefered

Due startup italiane selezionate tra le 50 migliori IOT d’Europa

Filo e Alfred, le due italiane nella classifica delle 50 migliori IoT d’Europa secondo Internet of Things EU-Startups

Filo e Alfred, le due italiane nella classifica delle 50 migliori IoT d’Europa secondo Internet of Things EU-Startups

Economia Digitale

Dalle cinghie intelligenti compatibili con ogni orologio, allo spazzolino che si trasforma in un videogame, fino a giocattoli erotici che si controllano via app. Sono 50 le migliori startup nel settore dell’Internet of Things per EU-Startups, tra i più importanti blog di startup in Europa. Nella classifica anche le idee di due italiani.

filo

Filo, dispositivo per trovare quello che perdi

È Giorgio Sadolfo, ingegnere informatico, il Ceo di Filo, startup nata a Innovaction Lab che ha ricevuto 500mila euro di finanziamento (LVenture Group e Angel Partner Group). Ex consulente per aziende come Microsoft e Google, Giorgio e il team hanno inventato un piccolo dispositivo che si attacca all’oggetto che hai paura di perdere oppure a un animale domestico. Via smartphone e app, puoi ritrovarlo facilmente: Filo suona, man mano che ti avvicini all’oggetto e rileva la sua ultima posizione.   La startup ha esposto il prodotto all’ultimo Ces di Las Vegas, la più importante fiera tecnologica al mondo.

Alfred, il maggiordomo su wifi

Tra le cinquanta startup classificate dal sito c’è anche Alfred smart home, la soluzione di Nicola Russo e del suo team di under 30 nel campo della domotica. Alfred è un software che ti consente di controllare tutti gli smart device di casa. Un sistema che ha la caratteristica di imparare dai comportamenti dei consumatori e agire poi in autonomia. La promessa? Un risparmio del 30% sulla bolletta di casa.  La startup oggi opera tra Roma e Londra, è stata incubata nel programma Microsoft Ventures (500mila sterline in servizi cloud e sessioni di mentoring), proprio nella capitale inglese. Oggi piace a tanti big da Pwc, che li ha inserito nel programma di incubazione, fino a IBM.

Alfred1

Da giocattoli erotici, ai portieri intelligenti

Tra le 50 startup, ci sono soluzioni molto originali. Come Monkey, startup tedesca, che ti fa accedere in appartamenti e uffici senza chiavi, ma attraverso comandi trasmessi al citofono via smartphone. C’è Maintool, idea francese, di cinghie compatibili con qualsiasi orologio che rilevano parametri come il battito del cuore, passi percorsi, calorie bruciate, temperatura e ambiente. E Mystery Vibe, la londinese che ha creato un giocattolo erotico controllabile via app che misura anche la salute dei tuoi organi genitali, inviando info (in forma anonima) a medici e ricercatori.